Cerca

Legge anti-corruzione, Pdl avverte: "No a testi preconfezionati"

Venerdì la capigruppo alla Camera con all'ordine del giorno i temi sulla giustizia. Gli azzurri avvertono Monti: "No ad azioni unilaterali"

Legge anti-corruzione, Pdl avverte: "No a testi preconfezionati"

Nel vertice tra i leader di maggioranza, Angelino Alfano, Pierluigi Bersani e Pierferdinando Casini, è stato trovato un accordo sulla riforma della legge elettorale, da inacrdinare nel contesto della riforma della Costituzione. Ma dal Pdl sono arrivati veti sulla legge anti-corruzione. Venerdì ci sarà una capigruppo alla Camera con all’ordine del giorno i temi sulla giustizia e il partito di via del Plebiscito ha avvertito, per via informali, il governo sulla necessità di non procedere in maniera unilaterale. Oltre alla responsabilità civile per le toghe e al provvedimento sulle intercettazioni, alla presenza del Guardasigilli, Paola Severino, si parlerà soprattutto di corruzione.

Cicchitto chiama Monti - Il timore del partito è che il ministro della Giustizia voglia portare alla riunione un testo 'preconfezionato'. "In queste situazioni il metodo serve a salvaguardare il merito", spiegano fonti parlamentari del Pdl. Gli 'sherpa' del Pdl si incontreranno prima dell’incontro che il responsabile di via Arenula avrà con i capigruppo per fare il punto della situazione. Martedì mattina il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, ha avuto un colloquio telefonico con il premier Mario Monti, proprio per sottolineare l’esigenza - riferiscono fonti parlamentari - che ogni testo venga discusso prima con le forze politiche. Il Pdl avrebbe chiesto dunque spiegazioni in merito, aggiungono le stesse fonti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    28 Marzo 2012 - 14:02

    tutto ciò che le menti eccellenti : dei partiti, della magistratura, dei ministri tecnici e quante altre materie grigie, collaboreranno per una "giusta legge", questa, sarà poi, amministrata sempre da giudici che, riterranno di " applicarla " o " interpretarla ". Alternative, non ne conosco. Dio salvi il popolo. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    28 Marzo 2012 - 13:01

    Ma di che parla ??? la corruzione è corruzione, SENZA SFACCETTATURE.... e le norme per impedirla rendendo trasparenti gli atti, e punendo con forza i ladri, non possono essere opache o contorte. Di che cavolo di preconfezionamento parla costui ? IO sono scettico quando sento un politico, ed un politico del sud, che parla di onestà mettendo dei distinguo !

    Report

    Rispondi

  • moranma

    28 Marzo 2012 - 09:09

    quello che veramente mi riesce difficile da capire è come cittadini "normali", cioè persone che lavorano per vivere e che sono "mediamente" oneste e comunque sicuramente non fanno parte di quella casta che si arricchisce con la politica e gli affari, possa dare fiducia ad un partito che mette i bastoni tra le ruote ad un provvedimento anticorruzione, che lo vuole discutere (giustamente) ma non per renderlo più incisivo, ma al contrario per renderlo meno efficace ( e leggi in questo senso ne hanno già fatte in passato!). Premesso che corrotti ci sono a destra, centro e sinistra, ci sono però partiti che questa legge la osteggiano ed altri invece che la vogliono. Ora io non posso credere che i cittadini di destra non si pongano una domenda semplice : ma con questo atteggiamento chi stanno proteggendo, me o qualcuno che in fin dei conti ruba anche a me?

    Report

    Rispondi

blog