Cerca

Fornero, maestra poco sobria Bacchetta pure i sondaggi

Blitz del ministro al congresso Ugl: attacco alla Cgil e critiche all'Espresso per le interviste che bocciano la sua riforma

Fornero, maestra poco sobria Bacchetta pure i sondaggi

A colpire la sua attenzione, evidentemente, è stato il titolo del “box” su L’Espresso: “Fornero bocciata dagli italiani”. Sotto, un sondaggio Demopolis che dimostra come larghissima parte degli elettori - il 63% - sia contraria alla revisione dell’articolo 18. Una contrarietà in percentuale che, ovviamente, è più rilevante tra gli elettori di sinistra (92%), di centrosinistra (73%) e scema tra gli elettori di centro (49%) e di centrodestra (40%). Sarà pur vero, come aveva detto in mattinata alla radio che «i tecnici non sono freddi», che «il dispiacere personale» l’aveva messo in conto, ma, passata qualche ora, il ministro del Welfare, ha provato a ridimensionare lo studio, sostenendo si trattasse di «un errore di comunicazione».

Contro il sindacato rosso - Elsa Fornero si è presentata ieri pomeriggio al congresso dell’Ugl. La sua presenza era prevista per il giorno prima, ma lei non c’è andata. Richiamata dal segretario del sindacato, Giovanni Centrella, ieri pomeriggio è comparsa in sala, accolta da un applauso. «Voglio convincervi», ha detto - con l’aria un po’ professorale che la contraddistingue -. Per spiegare il ragionamento ha sventolato davanti ai lavoratori una copia del settimanale, non certo critico con il governo. «È stato chiesto agli italiani se sono interessati al contrasto della precarietà? A quella dei giovani? Cosa avrebbero risposto? Avrebbero risposto di sì...».  Il problema, spiega il ministro entrato al governo in quota Pd ed ora sostenuto soprattutto dal Pdl, è che «la riforma del mercato del lavoro andrebbe valutata tutta insieme ed il suo 80% è stato sommerso da una discussione ideologica e grossolana sull’articolo 18». Parole dure che sembrano prese in prestito dalle critiche che i dirigenti Pdl fanno da giorni a quelli del Pd. Una frase che contiene un attacco implico alla Cgil,  “rea” di avere cambiato idea: la riforma «è stata costruita con il consenso di tutte le parti, tranne la Cgil». È stato il sindacato rosso a volere la rottura: «Abbiamo lavorato per tre mesi, c’è stato dialogo». Nell’ultima riunione, però, Susanna Camusso «ha ritirato il consenso». Fornero perdona, perché «cambiare idea è legittimo», ma si dispiace. Sente, ha spiegato, «un dispiacere anche personale», che aveva «già messo in conto», per  l’accoglienza riservata alla sua riforma. 

La riforma non si discute - E non ha intenzione di cambiarla. Aspetta solo il ritorno di Mario Monti dall’Oriente per licenziare il provvedimento e mandarlo in Parlamento.  Pier Luigi Bersani, accusato di aver contributo alla discussione ideologica e grossolana, minaccia: «Tutto può cambiare», ha ripetuto. La Cgil prepara un weekend di proteste. Ma lei, il ministro, ci crede ancora: «Non è una riforma contro i lavoratori. E non l’abbiamo scritta sotto dettatura o per compiacere qualcuno che sta all’estero».

di Paolo Emilio Russo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dulbecco2

    31 Marzo 2012 - 22:10

    insopportabile..

    Report

    Rispondi

  • bonmarit

    31 Marzo 2012 - 20:08

    Odio la Fornero !

    Report

    Rispondi

  • orconero

    31 Marzo 2012 - 14:02

    Certo che la riforma è condivisa, da quelli che denunciano 15000 euro all'anno e girano in Porsche a Montecarlo, così si possono togliere dalle balle tutti i dipendenti cinquantenni, portare il lavoro in Serbia e fregare il baraccone Italia. Per una riforma del genere ci vorrebe una stato vero e serio, una giustizia che funzione e che controlla gli abusi. La realtà è che una me.da come lo stato italiano non ha pari nel mondo, non riescono a controllare niente, solo a rompere i cogl.ni alla gente onesta. Chiedere alla collaboratrice di giustizia sciolta nell'acido come lo stato controlla.... La resa dei conti alle elezioni.....

    Report

    Rispondi

  • powerinvest

    31 Marzo 2012 - 13:01

    Il Ministro Fornero, non la Prof. Fornero, ha elaborato un testo, ha fatto delle proposte, si può essere d'accordo o meno, si può fare controproposte, ma attaccare le lacrime, la collana d'oro, la scorta etc.etc., significa solo che il Ministro ha ragione, quando la contrapparte non ha argomenti diventa personale. Possono attaccare il Ministro ed il suo testo, ma non la donna. E' un comportamento povero ed inutile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog