Cerca

Silvio chiama Bossi per le riforme Ma pensa solo a Barcellona-Milan

Berlusconi è indeciso se andare dal Pdl oppure seguire la trasferta dei suoi ragazzi al Camp Nou

Silvio chiama Bossi per le riforme Ma pensa solo a Barcellona-Milan

“Forza Milan” - e non “Forza Lecco” o “Veneto” o “Toscana” - è la cosa che prevalentemente interessa a Silvio Berlusconi in questi giorni. L’ex presidente del Consiglio sta decidendo se partire o meno in trasferta con la squadra alla volta di Barcellona, per  la partita di ritorno della Champion League. 

In tema di politica, invece, il Cavaliere continua a stare defilato. Lascia fare quasi tutto ad Angelino Alfano, pur mantenendo un occhio vigile sulla riforma della giustizia, argomento che lo tocca in prima persona. Martedì sarà a Roma dopo un’assenza prolungata. E il rientro nella capitale è motivato dalla necessità di presiedere l’ufficio di presidenza del Pdl. A via dell’Umiltà il pilota automatico non basta, Silvio deve riprendere in mano la cloche perché lo scontro tra ex Forza Italia ed ex An sta assumendo contorni preoccupanti. Fratricidi.

Uno dei motivi di litigio è la legge elettorale. Con i forzisti che spingono per l’accordo con Pd e Terzo polo su un sistema più proporzionale e gli aennini che non intendono mollare la bandiera del bipolarismo. Forse i post-missimi possono sentirsi un po’ risollevati dalle parole di Umberto  Bossi. Ieri il leader della Lega Nord, smentendo di aver incontrato Berlusconi e la Gelmini nella sua Gemonio, ha tuttavia ammesso che il canale di comunicazione non è del tutto interrotto: «Con Silvio ci siamo intravisti, lui cerca sempre di fare accordi». Sull’alleanza alle Amministrative? No, ha precisato il Senatur, «non sull’alleanza, vuole fare l’accordo sulla legge elettorale». A conferma che l’ex premier non si preclude nessuna strada. Manda avanti Alfano a trattare con Bersani e Casini, ma lui continua a coltivare i rapporti con il Carroccio, perché non si sa mai. D’altronde se l’attuale bozza formulata al tavolo trasversale non contiene aspetti punitivi per i leghisti ci sarà un motivo. O no?

L’inciucio, poi, è una realtà così precaria che a via dell’Umiltà si tengono sempre una carta di riserva. Quella verde. Sono troppe le cose che dividono Pdl e Pd per poter funzionare a lungo, questa larga coalizione. Ad agitare le acque c’è la riforma dell’articolo 18 (invisa a Bersani e compagni), ma incombono anche le leggi sulla giustizia. A partire dalla responsabilità civile dei magistrati (rivendicata da Alfano, osteggiata dai democratici), il ddl anti corruzione (concussione sì, concussione no) e la legge sulle intercettazioni.

Il momento di difficoltà a sinistra fa brillare la destra nei sondaggi, sostiene Alfano: «L’aumento del Pdl in tutte le indagini demoscopiche è  significativo». E aggiunge: «Siamo tornati a essere il riferimento  dell’area dei moderati superando la fase più delicata», cioè «la caduta del governo Berlusconi».

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iltrota

    01 Aprile 2012 - 20:08

    Lasciate il giocattolone calcistico a Silvio, così sta impegnato e crede ancora di fare il Presidente !!

    Report

    Rispondi

  • masbalde

    01 Aprile 2012 - 20:08

    Ad Alfano qualcuno da i sondaggi taroccati oppure Lui non sa leggere: il PDL è in via di estinzione senza il suo capo carismatico che però ha tradito i suoi elettori (sulle tasse e appoggiando il governo Monti che ci sta rovinando) e non ha spiegato il perchè: penso che oltre metà PDL almeno al nord e centro andrà con la Lega.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    01 Aprile 2012 - 18:06

    Di questa politica, dove è stato vituperato, ha preso una statuetta in faccia fino a rompergli denti e bocca, questa politica che deve averlo deluso profondamente, piena di ipocriti, voltagabbana, gente piccola che fa la cresta. Perché mai uno dovrebbe rimpiangerla?

    Report

    Rispondi

  • ceccopeppe1940

    01 Aprile 2012 - 18:06

    ho sempre votato per berlusconi,ma lui assieme agli altri due hanno sperperato un patrimonio imponente di voti e di consenso.E' vero che berlusca è stato osteggiato in ogni modo, ma è anche vero che il leader carismatico supera ogni ostacolo se...ha le palle.Di fini e casini non è il caso di parlarne,berlusconi si è perduto per uno stile di vita pacchiano e censurabile. Per certe cose occorre riservatezza,per un capo di stato è un dovere.Nessuno si scandalizza per il sesso, ma il suo approccio alla questione lo ha sputtanato a livello planetario. Ha attaccato i pm solo a parole e si è fatto massacrare come un pollo.Per i suoi problemi ha spostato le montagne,ma di quelli degli altri ne ha solo parlato senza risolverne neanche uno.Ora sta zitto,ingoia tutto nel tentativo di rimanere a galla. La vedo dura credergli ancora ,B,FeC prenderanno al massimo i voti dei clientes.Alfano non entusiasma ,tutti lo considerano una controfigura.Noi di destra abbiamo preso una fregatura,ora basta.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog