Cerca

Formigoni: "Superare il Pdl per fare un partito con l'Udc"

Il governatore lombardo 'supera' il Cav e gli azzurri: "Il sogno, un partito ancora più grande, la sezione italiana del Ppe"

Formigoni: "Superare il Pdl per fare un partito con l'Udc"

Il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni, prova a tracciare la sua strada per il futuro del centrodestra. Intervistato dal Giornale, spiega: "Smettiamola di parlare di ex An ed ex Forza Italia. Trovo stucchevole la polemica". Quindi ci sarà il Pdl anche nel futuro? Freddina la risposta: "Si può sempre ragionare. Alcuni di noi coltivano un ulteriore sogno, e cioè fare un partito ancora più grande, che sia la sezione italiana del Partito popolare europeo. Un partito di moderati - spiega Formigoni - che si allarghi a coloro che a Strasburgo sono con noi e in Italia su banchi opposti. Ma anche a movimenti cattolici e laici, a singole personalità. Per questo disegno varrà la pensa superare il Pdl", sentenzia il governatore. "Noi siamo disposti a sederci con chiunque condivida questo progetto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    03 Aprile 2012 - 21:09

    lo ha dimostrato. Ma tra governare/amministrare e visioni politiche c'è un'enorme differenza. Il Governatore spesso commenta dei dettagli importanti, ma non ho mai sentito un programma/visione che non sia generico. Pensando all'UDC, mi viene la pelle d'oca.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    03 Aprile 2012 - 16:04

    Il problema di Formigoni è solo uno... il maledetto vaticano e la setta nella setta costituita da CL, dei quale è succube ed adepto.... per il resto andrebbe anche bene come amministratore.

    Report

    Rispondi

  • samuel80

    03 Aprile 2012 - 13:01

    Ma per carità! No, grazie!

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    03 Aprile 2012 - 11:11

    Non ci libereremo mai della vecchia democrazia cristiana! Troppi interessi sono ancora legati lì. Non ci libereremo mai neanche del comunismo, che troppo frettolosamente qualcuno ha considerato morto e sepolto dopo il crollo del muro di berlino, e neanche delle illecite quanto continue intrusioni del vaticano nella politica italiana. Inutile farsi illusioni! Se vogliamo veramente rifondare la Destra in Italia, dobbiamo ripartire daccapo, senza confonderci con gli ex-dc, ma neanche con gli ex-psi, causa prima del tracollo del nostro debito pubblico, che ha portato all'attuale crisi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog