Cerca

Alfano e la tassa sulla casa: "Una tantum e a rate"

Il segretario Pdl: "Lotteremo sull'Imu e per evitare l'aumento Iva in autunno". Sul lavoro: "Art. 18 peggiorato"

Alfano e la tassa sulla casa: "Una tantum e a rate"

Su Imu e Iva non è ancora finita, il Pdl annuncia battaglia. Il segretario Angelino Alfano, ospite mercoledì sera di Bruno Vespa a Porta a Porta, si dice combattivo a partire dalla tassa sulla casa:  "Proporremo che l'Imu sia dovuta una tantum e che sia rateizzabile. Perché la questione di fondo è che abbiamo già dato, ora cominciamo ad invertire il ciclo". E sull'Iva è chiaro: "Noi ci batteremo affinchè non sia aumentata in autunno. Per noi sarà un punto di principio". Alfano punta ad incassare da ora in avanti i crediti legati alla riforma del lavoro, su cui il Pdl ha mandato giù qualche boccone amaro. "Si è peggiorato sull'articolo 18 rispetto all'intesa precedente - ammette il segretario - ma abbiamo ottenuto una maggiore flessibilità in entrata. Crediamo che in Parlamento ci saranno ancora margini per miglioramenti".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • colombinitullo

    05 Aprile 2012 - 18:06

    se è vero che combatterai per la tassa una tantum sulla casa e per (spero) la riduzione dell'IVA avrai ancora il mio voto, in caso contrario spero che non abbiate più il coraggio di farvi vedere perchè le promesse elettorali (non aumenteremo mai le tasse) si mantengono, in caso contrario andate a casa. Le tasse devono calare e non aumentare come ha fatto il Cadavere inespressivo e catatonico, di questi geni non ne abbiamo bisogno lasciamoli alle nostre disastrate università che, con questi personaggi, andranno sempre peggio. Per noi,come economisti, bastano e avanzano gli operai che, con stipendi da fame, fanno quadrare i loro bilanci perchè a loro non dà niente nessuno e tantomeno possono aumentare le tasse.

    Report

    Rispondi

  • gigigi

    05 Aprile 2012 - 18:06

    Dopo tante zozzerie scritte a favore e contro Bossi, la Padania, i furti e le truffe perpetrate a danno esclusivo del Popolo Italiano, perche' di questo si tratta, finalmente una notizia degna di nota e piena di speranza (ancora!). I foraggiamenti avuti dalla Lega, come quelli, agli altri Partiti, sono nient'altro che i soldi che ci hanno fregato e ci fregano in continuazione i politici e politicanti come questi, da anni ed anni! Ecco, perche' hanno bisogno di Imu, tasse esagerate e quant'altro da togliere a i poveraccicome me ed i 39 milioni di dipendenti e pensionati! Con cio', Chiudo questo punto e spero proprio che vadano tutti in galera, insieme a quegli altri, come i Fini, i Casini, i Di Pietro, i Bersani, i D'Alema, i Bertinotti, gli Andreotti perfino, buttando le chiavi nel fiume Tevere! Mentre vorrei sollecitare a battersi con il coltello fra i denti ad Alfano, 41enne rampante, per ottenere giustamente l'una tantum per l'Imu primacasa e la rateizzazione del suo versamento!!!!

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    05 Aprile 2012 - 15:03

    Senza voto e lasciare tutto ai Casinisti a dirigere la Politica con orologio a tempo della Giustizia? fregati e bidonati dal Pdl, capisco Silvio, ma non sarebbe stato meglio votare in due settimane chiedendo agli Italiani se volevano cambiare qualcosa? Ora i rincari sono certi, la caccia all'euro è sempre target, era il momento di eliminare l’euro o averlo solo come doppio circolante? Voi pensate che 500 o 1000 mld€ di salva Stati, basterà a salvarci dalla crisi o i finanzieri senza scrupoli d'hoc, si non fregheranno anche questo tesoro alla faccia di tutti? Alle votazioni del 2013 con quale faccia chiedere il voto se ci hanno spennati vivi e abusati pure toglierci le medicine per curarti? Poi quale sciocco di Economista vuol creare ripresa con i tagli e tasse e facendo debiti ulteriori investendo di opere di Infrastrutture necessario alla stessa?

    Report

    Rispondi

  • fossog

    05 Aprile 2012 - 15:03

    Ricordati Alfano che le tasse alle famiglie sono uscite fuori per compensare i mancati introiti di una legge patrimoniale, quella legge che ha subito il veto di berlusconi. Il veto che ha ancora di più aumentato il gap tra ricchi e poveri/ nuovi poveri. ORA chiaccherare non serve, sono i fatti quelli che contano, ed i fatti dicono che il MIO nemico OGGI è il tuo partito, anche se prima l'ho votato, sbagliando.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog