Cerca

Il Senatùr ora difende il Trota: "Tutta colpa di Roma farabutta"

Dopo dimissioni Bossi fa marcia indietro: "Mio figlio non c'entra, me lo ha provato. Tutto un complotto contro la Lega"

Il Senatùr ora difende il Trota: "Tutta colpa di Roma farabutta"
Tradito dai figli, ma il Senatùr non lo ammetterà mai. Umberto Bossi si è dimesso dalla Lega perché ha commesso un errore, soprattutto: far entrare i propri rampolli in politica, dare sempre più potere ai suoi fedelissimi, consanguinei e no. "L'errore è stato mio, il partito viene prima della famiglia", ha ammesso il Senatùr, parlando dell'inchiesta che sta coinvolgendo la moglie Manuela Marrone, il figlio Renzo, giù giù fino ai figli meno in prima linea, Riccardo, Roberto Libertà e Sirio Eridano. E naturalmente Francesco Belsito, l'ex tesoriere accusato da 3 procure (Milano, Napoli, Reggio Calabria) di aver distolto soldi (oltre un milione di euro) dalle casse del partito per pagare le spese private della Bossi family.

Il dietrofront - "Paghino tutti, il nome non conta", è la sentenza di Umberto. Che però questa mattina, uscendo dalla casa di Gemonio e prima di recarsi di nuovo a Milano in via Bellerio intorno alle 14, per una nuova riunione leghista, riparte alla carica rivoltando la frittata. La colpa non è dei figli ("Renzo mi ha portato le  prove che l'auto è sua, se l'è pagata lui e di questo sono certo perché l'ho visto con i miei occhi") e non ci sono ombre sulla casa ("Avevano sbagliato a   rifarmi il balcone che perdeva acqua e allora abbiamo chiamato uno della Lega, un bergamasco, che mi ha detto 'mando mio cugino che ha un'impresa perché la colpa è nostra e quindi rifacciamo i lavori'. Poi - ha proseguito Bossi nel suo racconto davanti ai giornalisti - il tipo non si è più fatto vivo per tanto tempo e non so a chi abbia mandato la fattura"). La colpa semmai è di Belsito: "Io so solo che lui era diventato  amico di Balocchi, il nostro vecchio amministratore che si era ammalato e non era più autosufficiente. Belsito è riuscito così a entrare nella Lega e questo, a mio parere, mi sa tanto di   organizzato".

Aria di complotti - Le leggerezze del Trota Renzo e del Cerchio magico, dunque, non c'entrano. E' un complotto. "Il nuovo tesoriere della Lega Stefano Stefani deve rintracciare tutta una faccenda molto oscura". Di sicuro il Senatùr non ci vede chiaro nell'avvento di "questi qui, che poi si scoprono legati alla mafia, che lavorano per imprese di Stato, che producono armi, armi per le quali servono certificati antimafia. E' una cosa molto ambigua, tutta preparata". Da chi? "Da quelli che abbiamo sempre combattuto, da Roma ladrona e farabutta".


"Non mollo" - "Lascio per il bene della Lega, dovevo fidarmi di chi mi aveva segnalato certe stranezze", aveva ammesso dopo il big bang di giovedì, al consiglio federale di via Bellerio. "Ma scordatevi che adesso sparisca", ammonisce ancora combattivo. E in una lunga intervista a La Padania, non molla: "Tutta la manovra è chiara: è contro di me e la Lega. Chi ha dei dubbi su questo?". E su Belsito: "Se un amministratore è in combutta da anni con una famiglia della 'ndrangheta, perché si viene a sapere solo adesso? Prima no? Insomma, i tempi sono strani". Mollare, però, mai, perché "io non sono come Craxi". E questa mattina la sorpresa:"Io ricandidarmi al congresso? Lo deciderò solo dopo che sapremo la data certa", prevista in ogni caso per il prossimo ottobre.

 

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolino46

    07 Aprile 2012 - 15:03

    E' colpa di Roma se in famiglia rubacchiano le mele al supermercato. E menomale che lo avevano anche avvisato. Caro Umbertino questa volta mi hai fatto proprio la figura del coperchino.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    07 Aprile 2012 - 09:09

    Mi spiace tanto per Bossi ,ma questa volta i farabutti di Roma,che ci sono,non c'entrano .Ce li aveva in casa : in parte perchè ci sono nati ed in parte perchè ce li aveva fatti entrare lui.Se può ci metta rimedio e cacci fuori tutti possibilmente in mutande.

    Report

    Rispondi

  • fir3st4rt3r

    07 Aprile 2012 - 08:08

    La moglie di Bossi usava i libri di magia nera con la speranza che gli diventasse davvero duro ahahahhahah xD

    Report

    Rispondi

  • dzangani

    07 Aprile 2012 - 08:08

    Ecco il paladino del Nord, che non ha mai lavorato in vita sua, che si presenta per intenerirci: occhiali storti, barba sfatta etc. Peccato che da segretario sia diventato presidente della lega, rimanga un parlamentare col suo lauto stipendio etc. Lo ha di vizio, come tutti gli istrioni, non ci siamo dimenticati dei 200 miliardi di £ di tangente presi da Gardini, della fondazione della Credieuronord sul prato di Pontida coi soldi dei seguaci, seguita da un'amministrazione rivolta agli interessi di Bossi e quindi sull'orlo del crac, salvata da Berlusconi con 17 miliardi di £, che si assicura che da allora in poi Bossi voti tutte le sue leggi porcata senza un fiato ed ora questo. Ma ne' Bossi, ne' nessuno dei suoi congiunti si dimettono dalle cariche che portano palanche. Se fosse stato un povero beota come ce lo vogliono presentare ora, come faceva a partecipare alle riunioni di governo, a votare, a decidere la linea politica di un partito? Ma la colpa si sa', e sempre dei giudici!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog