Cerca

Yankee Renzi, mani bucate: spende 1.700 euro al giorno

La trasferta a Washington costa 7mila euro. Si concede anche la limousine. La replica: "Serviva per motivi di lavoro"

Yankee Renzi, mani bucate: spende 1.700 euro al giorno

A Firenze gira in bicicletta, a Washington in limousine. Per la sua trasferta americana, Matteo Renzi non ha badato a spese. Lo studio delle determine per il viaggio del sindaco toscano del Pd è stato esaminato dal capogruppo Pdl al Consiglio comunale di Firenze, Marco Stella. Che fa notare come Renzi abbia speso 1.700 euro al giorno per il suo soggiorno statunitense dal 18 al 21 settembre 2011.

I conti in tasca - "Spunta la spesa di 2.168 euro per l’utilizzo di una limousine (così negli Stati Uniti viene definita una vettura di lusso con conducente). 87 dollari l’ora per un totale di 34 ore di utilizzo. Il conto totale della trasferta, per il solo sindaco, senza contare il suo accompagnatore da Empoli, ammonta a 6.764 euro, 4.043 per il volo aereo, 552 per il soggiorno al Four Season, 2.169 per il noleggio auto: un totale di 1.691 euro al giorno”, spiega Stella in una nota. Insomma il sindaco che "propugna i tagli ai costi della politica quando si tratta di se stesso smette i panni del  moralizzatore e veste quelli della rockstar” aggiunge il capogruppo Pdl. “Ci siamo sinceramente stufati delle lezioncine". Facendo due conti, se Renzi avesse preso una macchina a noleggio senza conducente avrebbe risparmiato circa 1600 euro.

Il macchinone era per lavoro -  Immediata la replica dell'entourage del sindaco: “Nessuna limousine, ma una vettura monovolume a 7 posti utilizzata per la necessità di spostarsi insieme a funzionari dell’ambasciata italiana e rappresentanti del National Geografic. Quindi nessun lusso, ma esigenze di lavoro”. Questa la replica di Luca Lotti, capo di gabinetto del sindaco di Firenze. Lotti ha anche ricordato che quella missione, in cui vennero discussi i dettagli dell’accordo con National Geografic per la ricerca sulla battaglia di Anghiari, ha portato nelle casse del Comune 250mila  dollari.

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    07 Aprile 2012 - 18:06

    sentirlo dare lezioni di intelligenza è davvero ridicolo! Lui che non ne azzecca una che sia una, che parla sempre a sproposito, che beve come nettare il titolo dell'articolo e ne fa romanzi, vuol insegnare ad altri come si fa?? Ahahahah... che mal di pancia ragass... Tenetelo buono o ci rovina la Santa Pasqua!

    Report

    Rispondi

  • spalella

    07 Aprile 2012 - 15:03

    7.000 euro ? e stiamo a parlare di settemila miserabili euro, quando i ladri veri rubano da sette MILIONI in sù ????

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    07 Aprile 2012 - 15:03

    Tu sei l'impavido difensore dell'indifendibile: non so se lo sai, ma un sindaco non è un agente di commercio e pertanto non gode di alcuna provvigione sulle entrate del comune, e, dunque, è suo preciso dovere risparmiare SEMPRE il più possibile dei quattrini dei cittadini, e, nel caso voglia usufruire di agi e conforti, è il caso che se li paghi col proprio lauto stipendio. Sappi, poi, che in Toscana (almeno quella che non ha portato il cervello all'ammasso) il sindaco di Firenze è noto come "Renzino Spendaccino". Su questo sito troverai le i documenti (delibere) relative alle spese del tuo assistito http://www.sensiguido.com/renzino-spendaccino. Scommettiamo che dopo che l'avrai letto ti passerà la voglia di intervenire a vanvera sul Renzi?! Inoltre, se ne avrò voglia, può darsi che mi vada a ricercare qualche tuo sdegnato commento sui salamelecchi resi a Gheddafi o ad altri capi di Stato in cambio di contratti miliardari, e, se ne troverò, ti conviene andarti a nascondere presso la più prossima casa del popolo.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    07 Aprile 2012 - 12:12

    ma tu l'hai letta la chiusura dell'articolo? capisco che il gioco dei titoli attira i tontoli come te che si limitano a leggere solo quelli, urlati e volutamente svianti ma l'articolo non è così lungo e difficile da leggere e capire: con un minimo sforzo ci saresti riuscito anche tu. Pretendere poi che i titoli rispecchino il contenuto degli articoli, è impresa improba con questo giornale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog