Cerca

Assalto Maroni: Basta Kooly Noody e Cerchi magici

Domani serata dell'orgoglio leghista a Bergamo, resa dei conti con Bossi. Bobo vuole "pulizia", Senatùr gelido: "Già in atto"

Assalto Maroni: Basta Kooly Noody e Cerchi magici

Roberto Maroni e Umberto Bossi, botta e risposta. Sabato, via Facebook, l'ex ministro degli Interni aveva rilanciato la parola d'ordine in casa Lega: "Pulizia, pulizia, pulizia". Parole da leader del Carroccio in pectore, anche se attualmente il potere è da spartire con i colleghi del triumvirato Roberto Calderoli e Manuela Dal Lago, eredi temporanei del Senatùr. Ma proprio Bossi, dopo le dimissioni diretta conseguenza dello scandalo giudiziario che ha investito il Carroccio, è tornato alla carica. "La pulizia è già in atto e c'è già chi la deve fare". Dalle pagine della Padania, l'ex leader ribadisce la necessità che i verdi restino "tutti uniti" contro "l'attacco che mira a dividere". Chi mira a dividere sono "quei magistrati mandati da Roma farabutta contro la Lega", per usare le parole di Bossi, ma - mormorano i maligni - forse pure Maroni e i maroniani, che vorrebbero epurare il Cerchio Magico (da Rosi Mauro a Renzo Trota Bossi e Marco Reguzzoni) considerato responsabile dello sfascio del partito. E ai suoi fedelissimi Bobo avrebbe confidato: "Mi sono francamente rotto di Cerchi magici e Kooly Noody", chiaro riferimento a Rosi Mauro e al suo amante canterino Pier Mosca.

La voce della base - Che il braccio di ferro tra vecchio e nuovo leader sia in atto lo conferma anche la base leghista sul web, che negli ultimi giorni si sta sempre più schierando con Bobo. Secondo un'analisi sulla rete effettuata da Voices From the Blogs, osservatorio permamente sui social media dell'Università degli Studi di Milano, il 64,6% dei 33mila tweet pubblicati tra il 5 e l'8 aprile, metà dei quali riflesso dell'opinione dei cittadini lombardi, ritiene Roberto Maroni il futuro capo del Carroccio. E mentre salgono le quotazioni di Flavio Tosi (maroniano, tra l'altro), solo il 29% (che sale al 36% tra i lombardi) considera Umberto Bossi ancora in gioco. Il 17% dei tweet, anzi, indica proprio nell'ex segretario dimissionario il principale colpevole dello scandalo sui soldi leghisti sottratti alle casse del partito per pagare spese private di familiari e fedelissimi del Senatùr. Ecco perché la serata dell'orgoglio leghista in programma domani sera a Bergamo rischia di essere non quella dell'unione padana, ma del big bang.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    10 Aprile 2012 - 09:09

    la legge per il finanziamento ai partiti, dopo il referendum che lo abrogava è un vero e proprio FURTO. Tutti i partiti e i deputati che prendono i ns. soldi illegalmente sono ladri (e come ladri dovrebbero andare in galera). Io voterò solamente un partito che si impegnerà ufficialmente per la sua abrogazione.

    Report

    Rispondi

  • passerapelonero

    09 Aprile 2012 - 23:11

    Quando si muove la magistratura,è perchè c'è sempre qualcosa che non va....... nessuna giustificazione può essere portata a propria difesa quando si tratta di un reato.....come la base di altri partiti,anche la base leghista dovrebbe stare più attenta sull'operato dei propri beniamini............i bilanci debbono sempre essere pubblici e mai privati...se si nascondo,vuole dire che sotto c'è del marcio e nulla altro.....

    Report

    Rispondi

  • doblone

    09 Aprile 2012 - 23:11

    Bobo anche se si crede assolto,sarà per sempre coinvolto!!

    Report

    Rispondi

  • Renatino-DePedis

    09 Aprile 2012 - 21:09

    dice che non c'è nessun reato ipotizzabile per Bossi e famiglia? può essere, ma ne dubito. se fosse come dice lei perchè la magistratura indaga? se fosse come dice lei com'è che indagato pure Lusi? c'è qualcosa che non quagllia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog