Cerca

Ddl lavoro, il vice Monti: "Disposti a buone modifiche"

Il sottosgretario Catricalà: "L'impianto deve restare questo, ma sì a miglioramenti in Parlamento". Cisl: "No a tele di Penelope"

Ddl lavoro, il vice Monti: "Disposti a buone modifiche"

Il premier Mario Monti ha parlato di una riforma del lavoro "bilanciata", con una Emma Marcegaglia che un testo così "se lo sarebbe sognato qualche mese fa". Eppure, le proteste di Cgil e Confindustria sono arrivate comunque. Forse è per questo che il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà. con il Ddl che approderà in Parlamento, ha avvertito: "L'impianto deve restare quello che è" anche se "siamo disponibili ad accettare buone modifiche" in Aula.
"Pensiamo che l'impianto della riforma debba restare quello che è, ma molte buone idee nascono in Parlamento e siamo pronti a farne tesoro - ha spiegato il sottosegretario all'AdnKronos - La ratio è quella di una maggiore flessibilità in uscita per consentire una maggiore entrata nel mercato del lavoro", e "se le modifiche sono in questo senso, siamo  disponibili ad accettarle". L’obiettivo della riforma, insiste Catricalà, è "dare lavoro buono ai giovani".
 
La posizione Cisl - Più categorico, paradossalmente, è uno dei rappresentanti sindacali, il leader Cisl Raffaele Bonanni, che all'Agi sottolinea: non conviene "a nessuno" apportare grosse modifiche alla riforma". "Non conviene far diventare il ddl una tela di Penelope. E' stato raggiunto un buon compromesso che ovviamente non lascia contento nessuno degli attori che lo ha realizzato". Secondo Bonanni, "è importante mantenere lo spirito, le indicazioni e la struttura generale del Ddl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Libero Di Rino (LDR)

    10 Aprile 2012 - 10:10

    Invece di fare tanto casino sulle modifiche del lavoro potrebbero far funzionare nel modo onesto gli uffici di collocamento e imitare la Germania. A cosa serve fare tante riforme sul lavoro sapendo che in Italia non funziona nulla, il lavoro non c'è e molte imprese stanno fallendo soprattutto dal peso fiscale imposto da questo Governo?Il settore edile ,traino di tante altre attività produttive, i MONTati la stanno bloccando totalmente!

    Report

    Rispondi

  • silvio727

    10 Aprile 2012 - 00:12

    Sulla riforma sul lavoro, il governo dei tecnici ha fatto scelte politiche cercando il consenso dei sindacati, in special modo quello della CGIL. Le aziende senza lavoratori non funzionano, ma i lavoratori senza aziende non possono mica sperare nella CIG a vita.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    09 Aprile 2012 - 20:08

    Le uniche buone modifiche finora hanno provocato depressioni e suicidi. Al peggio no cìè rimedio ma qui rischiamo di morire tutti per soffocamento da vessazioni ed ipertassazioni!

    Report

    Rispondi

blog