Cerca

Rosi Mauro in lacrime: "Non mi dimetto" Calderoli: "Lascia o ti costringiamo noi"

La Mauro a Porta a Porta smentisce l'addio: "Lasciare? E perché? Dalla Lega mai un euro". Triumvirato in pressing: "Via o prenderemo decisioni"

Rosi Mauro in lacrime: "Non mi dimetto" Calderoli: "Lascia o ti costringiamo noi"

La difesa, anzi il contrattacco. Rosi Mauro ospite di Porta a porta di Bruno Vespa, respinge le voci di chi la voleva dimissionaria a ore, anzi direttamente in tv su Raiuno. "Vorrei vedere su quali basi dovrei dimettermi. Ho il diritto di difendermi. Le verità devono emergere", ha detto senza troppi giri di parole la vicepresidente del Senato e fedelissima di Umberto Bossi, coinvolta nell'inchiesta sui conti del Carroccio (con l'ex tesoriere Francesco Belsito indagato da tre Procure) e sui hanno agito in pressing prima Roberto Calderoli quindi Roberto Maroni. Un pressing ribadito quest'oggi da tutto il Triumvirato, composto da Maroni, Calderoli e Manuela Dal Lago, che ha sottolineato di aver "sollecitato" le dimissioni della vicepresidente del Senato. Calderoli è stato esplicito: "Lasci o il partito prenderà decisioni".

La difesa di Rosi - Maroni la vorrebbe direttamente espulsa dal partito insieme a Renzo Bossi, l'altro grande esponente leghista coinvolto dallo scandalo. Lui, proprio come il padre Umberto Bossi, ha fatto un passo indietro. Ma Rosi non ci sta: "Voglio spiegare come stanno le cose - ha aggiunto a Porta a porta - e poi vedremo. C'è un attacco mediatico senza precedenti. Ho il diritto di difendermi, lo farò anche con un intervento in Aula al Senato". Nel merito delle accuse, spiega: "A Rosi Mauro la lega non ha mai dato un euro. Ma c'è la donazione del partito al Sindacato padano. Tutto è tracciabile dai bonifici. Ci sono estratti conto del sindacato con la mia firma, e si può verificare ciò che si vuole. Io non ho mai preso un euro". "Il partito era assolutamente informato delle donazioni al sindacato - ha aggiunto -. Tutti lo sapevano, anche Bossi, perché non c'era niente di illegale". In realtà, secondo indiscrezioni la lettera di dimissioni sarebbe già pronta anche se ancora non c'è alcuna comunicazione ufficiale al presidente del Senato, Renato Schifani. E la Mauro avrebbe proprio in queste ore parlato con Umberto Bossi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RobertPaul

    11 Aprile 2012 - 15:03

    quello che poteva fare una persona che apre gli occhi su un casino che lui stesso ha creato , le sue scuse rivolte ai suoi poi sembravano sentite anche se inutili per riparare danni concreti ( come tutte le scuse ) . una reazione vera . Se poi a qualcuno sta sul culo potrebbe anche dimettersi da tutto e rinunciare alla pensione e poi lanciarsi su Saturno ma non risolverebbe .

    Report

    Rispondi

  • ciccia61

    11 Aprile 2012 - 12:12

    E se fosse vero quello che ha detto ieri sera a porta a porta? la Lega non dovrebbe difendere una persona dalla morale cosi' alta invece di cacciarla?? mah!!????

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    11 Aprile 2012 - 09:09

    Noto parecchi commenti ''Perché la Mauro dovrebbe dimettersi se .... Commenti senza senso: perché un ladro é disonesto se ci sono in giro assassini? Suvvia riprendiamo la strada del buon senso.' Questa ricerca della ''parità'' con casi analoghi é spuntata troppe volte. Ora viene a galla Lusi o Penati. E allora...tutti disonesti, nessun disonesto.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    11 Aprile 2012 - 09:09

    La Lega ha poca gente all'altezza. Sara' sempre un partitino inutile (se non dannoso). Maroni ha fatto pena a Bergamo. Un ex Ministro con la scopa in mano, abbracciare colui che é alla base del loro disfacimento. Si prenda pure la Lega e se la metta in tasca. Frutta un po' di soldi e nient'altro. Se non fosse stato per Berlusconi ora sarebbe relegata laddove é il suo posto: ai margini.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog