Cerca

Lavoro, le imprese in rivolta: con Fornero posti a rischio

Oggi vertice delle categorie, si cerca equilibrio tra testo del governo e modifiche dei partiti. Nodo flessibilità in entrata

Lavoro, le imprese in rivolta: con Fornero posti a rischio

L’appuntamento è per le 18 di oggi. Foresteria di Confindustria a via Veneto. A fare gli onori di casa Emma Marcegaglia. Tra gli invitati Abi, Ania, Alleanza per le Cooperative e Rete Imprese Italia. Si dovrà discutere - e trovare una strategia comune - sui possibili emendamenti da “suggerire” al Parlamento sul ddl lavoro modificato dal governo la scorsa settimana. Insomma, si vuole stimolare la ricerca di un punto di «equilibrio» tra la riforma varata “salvo intese” dal Consiglio dei ministri lo scorso 23 marzo, e le modifiche apportate dai partiti.

Uno dei problemi da affrontare è certamente la flessibilità in entrata. L’aumento dei costi per i contratti a termine, il contributo aggiuntivo per ricondurre l’abuso di alcune tipologie contrattuali entro margini tollerabili, è indubbio che faranno parte della scaletta dell’incontro. E la stessa presidente di viale dell’Astronomia ad indicare i problemi che fanno della proposta una “pessima riforma”. «Domani (oggi, ndr) ci vediamo per concordare i punti fondamentali che chiediamo di cambiare. Mi auguro», ha premesso Marcegaglia in un incontro a Rovigo, «che quanto ha detto il sottosegretario Catricalà rappresenti la volontà del governo e dei partiti di maggioranza». La presidente degli industriali  fa riferimento alle timide aperture del sottosegretario alla Presidenza, Antonio Catricalà, che ha sussurrato la disponibilità dell’esecutivo a «buone correzioni», salvo poi sterzare e ribadire che l’impianto generale non si tocca.

Consapevole che al momento non è possibile stravolgere la proposta messa a punto tra governo e partiti di maggioranza, dopo la voce grossa anche Marcegaglia riallinea il tiro. «Nessuno di noi», ha puntualizzato, «sta chiedendo di stravolgere tutto, però ci sono alcuni punti, in particolare sulla flessibilità in entrata, che se non dovessero venir cambiati non solo non creerebbero nuova occupazione, ma rischierebbero di ridurla, in un momento come questo tutto dobbiamo fare tranne che rischiare di ridurre l’occupazione». C’è poi il totem dell’articolo 18. La presidente di Confindustria ieri ha ribadito che «la nostra posizione rimane che l’accordo raggiunto il 23 marzo era una buona soluzione, mentre questa dà un po’ d’incertezza e rimette in mano ai giudici la decisione sui licenziamenti per motivi economici. Questo non vuol dire che non ci sia stato avanzamento rispetto a prima: la verità è che non si sa cosa succederà». Di certo il governo non ha intenzione di tagliare le tasse: né alle imprese, né ai lavoratori. E Marcegaglia, consapevole, è tornata all’attacco: il peso delle tasse, ha ribadito, «è uno dei livelli più alti che ci sia in Europa. È per questo che è così difficile fare crescita, consumare, fare investimenti. Quindi penso che il governo si debba porre il problema serio di abbassare le tasse».

Ma non saranno solo le grandi aziende a premere per limature e integrazioni. C’è chi, come la Federazione pubblici esercizi (Fipe) chiederà di portare al tavolo, per esempio, l’allargamento della “stagionalità” (gli esercizi su base stagionale non dovrebbero pagare il contributo Aspi dell’1,4%) anche alle iniziative culturali, fieristiche, sportive e convegnistiche, perché altrimenti resterebbero restano fuori tutte le ipotesi di intensificazione legate alla fluttuazione e alla ciclicità. A contestare, preoccupati, la riforma anche i collaboratori. Infatti «le nuove norme che disciplinano le partita Iva  mettono a rischio molti posti di lavoro», avverte la Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro.

di Antonio Castro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • charles_56

    12 Aprile 2012 - 06:06

    La cura per l'Italia, da quando ci sono questi loschi figuri gli Italiani esasperati hanno iniziato a suicidarsi. Che dite, sarà ora di iniziare a fare un po di pulizia e togliere di mezzo questi mangiapane a tradimento o vogliamo fargli combinare altri danni.

    Report

    Rispondi

  • siciliano59

    11 Aprile 2012 - 22:10

    Questa Donna che parla di Lavoro non sa nemmeno dove stà di casa il lavoro c'è gente che per soppravvivere lavora 16 ore al giorno mentre lei per andare a comprare un paio di scarpe la difenono in 10 con 4 auto blindate pagate da noi Italiani, ma da chi si deve difendere una che non vale neanche una cicca di sigaretta, pensate 30 ministri con 10 poliziotti levati alla sicurezza dei cittadini, per difendere la loro incapacità, la Merkel va al Mercato a fare la spesa, ed è protetta da 2 persone. Ora Smettiamola di subire al ROGO tutti questi mangiapane a Tradimento e per lo più incapaci SVEGLIA ITALIANI E ora di Farli fuori Riprendiamoci la nostra Dignità Senza di loro saremmo i Numeri uno nel mondo..............

    Report

    Rispondi

  • voghera51

    11 Aprile 2012 - 19:07

    ma mandiamoli a casa !! questi sono solo degli incapaci a governare. ogni riforma che fanno o sono solo tasse o pasticci. ALFANO lo so che non sai che pesci pigliare ma bisogna avere il coraggio di staccare la spina. subito perderai voti ma se sei un leader li recuperai . ci vuole pazienza . gli errori passati si pagano

    Report

    Rispondi

  • jack1

    11 Aprile 2012 - 16:04

    la sinistra e i suoi sodali ....dovevamo licenziare almeno 1 milione di dipendenti pubblici invece cosa abbiamo fatto, ne abbiamo presi altri 15 e ci abbiamo fatto un governo ???? il tutto grazie ad un campione in economia, nonchè fradicio comunista, dal nome Napolitano ....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog