Cerca

Travaglio e Perina avvocati della badante di Bossi

L'ex direttrice del "Secolo": Rosi vittima di uomini irresponsabili, la vogliono al rogo come una strega. Ma scorda il caso Fini-Montecarlo

Travaglio e Perina avvocati della badante di Bossi

Tre anni fa lei è stata "vittima" della rottura tra Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi, "pagando" con l'addio alla direzione del quotidiano "Il Secolo d'Italia" la nascita di Futuro e libertà. E da fedelissima di Fini accorre in difesa della fedelissima "badante" di Umberto Bossi. "Venti righe in difesa della strega Rosy Mauro, bruciata sul rogo come le fattucchiere di Salem per purificare la comunità padana. Venti righe per dire che la caccia alle veline ingrate non emenda la politica ma ne dimostra, al contrario, l’irriformabilità dall’interno". Le scrive la deputata di Futuro e libertà, Flavia Perina, in un editoriale sul sito di Fli.   "Siamo stufi di leader maschi incapaci di dire: ho sbagliato - prosegue - stufi di classi dirigenti che anzichè chiudersi dentro una stanza per tre giorni e ragionare sulla fine del modello populistico-carismatico che hanno incarnato, vanno sui palchi con le scope, o con i cappi, o con la faccia nuova di turno, Maroni per cancellare Belsito, Alfano per dimenticare Ruby, e credono che il Paese ci creda".

Dimentica, la Perina, la condotta tenuta dal suo capo Gianfranco a proposito della casa di Montecarlo che lui trasformò da lascito al partito in bene d'uso personale. In quell'occasione, non solo Fini non si chiuse tre giornia ragionare su quanto fatto, ma si guarò bene dal lasciare la poltrona di numero uno di Montecitorio sulla quale sta tuttora comodamente appollaiato. In questo, i Bossi e i Maroni hanno sì da insegnargli.

In soccorso della "nera" Rosi, arriva oggi sulla prima pagina del Fatto quotidiano anche Marco Travaglio. Forse perchè lo scandalo Lega non è stato lui a scoperchiarlo, Travaglio cita l'assessore alla Cultura milanese Stefano Boeri, che ieri trasformava i Bossi in modelli di comportamento, a fronte di un Penati che resta aggrappato alla sedia del Pirellone. E sulla Mauro dice in parole povere che nessuno ha la faccia tanto pulita da poter chiedere alla "badante" del Senatùr di mollare lo scranno di vice a palazzo Madama. A partire dal presidente Renato Schifani, il quale dice Travaglio "è indagato per mafia a Palermo".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dicocomelapenso

    12 Aprile 2012 - 11:11

    specialmente dopo averla vista sul più' alto scranno del Senato gestire la votazione della legge Gelmini. Uno spettacolo indegno, che pero' la diceva lunga anche su chi ce l'aveva messa. Usarla come capro espiatorio, anche perche', diciamocelo, meridionale, e' infame. Bossi il celtico era il capo, era al corrente di molte ruberie (ogni giorno salta fuori una prova) e quindi e' il colpevole numero uno. Calderoli, di cui si parla poco, e' un angioletto? Maroni, che ovviamente era a conoscenza di tutto, visto quanto si e' agitato negli ultimi mesi, ma che per politica non ha denunciato nulla, e' puro come un giglio? Tremonti che sapeva della Tanzania e che era d'accordo "tanto l'euro casca tra tre mesi"? Cari leghisti, fatevene una ragione: avete seguito delle persone come minimo poco serie e inaffidabili. A noi non leghisti resta l'amarezza di essere stati insultati per anni da questi uomini di m.. Ma pagheranno tutto, pagheranno caro!

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    11 Aprile 2012 - 22:10

    quando si è costretti a dare ragione a Travaglio. Mentre voi di Libero siete sempre più che giornalisti dei gossippari che vanno dove tira il vento. Incapaci di fare previsioni sensate e fondate. Ogni qualvolta ne avete occasione vi autoelogiate per il fatto che qualcuno abbia seguito un vostro consiglio, cosa non vera perchè, abbiate l'onesta intellettuale di ammetterlo, nessuno vi caga di striscio. I vostri editoriali sono ridicoli e quelli del giornalista Senaldi sono inascoltabili. Inanellate una serie di sciocchezze e banalità che disarmano il lettore. Ripigliatevi per favore.

    Report

    Rispondi

  • tasietira

    11 Aprile 2012 - 19:07

    Cane non mangia cane.

    Report

    Rispondi

  • gosel

    11 Aprile 2012 - 18:06

    Chi poteva correre in soccorso della Mauro se non questi due de.....ti?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog