Cerca

Bersani&C non sanno quanti soldi ci fregano per i partiti

Bechis: fanno finti ignoranti, raccontano balle sui finanziamenti. Tutti parlano di 100 mln, ma in verità sono ben 180

Bersani&C non sanno quanti soldi ci fregano per i partiti

Il primo ad averla buttata lì è stato Pierluigi Bersani uscendo a sera inoltrata dal vertice con Angelino Alfano e Pierferdinando Casini in cui si sono ipotizzate nuove norme sul finanziamento ai partiti dopo gli scandali di Margherita e Lega Nord. "Si è deciso anche", ha detto Bersani ai giornalisti, "di sospendere l'ultima rata del rimborso elettorale del prossimo mese di luglio, che ammonta a 100 milioni di euro".

Doppia balla - In una sola frase c'erano due bugie. La prima è venuta alla luce poche ore dopo: quando si è depositato l'emendamento sulle nuove regole per il rimborso elettorale ai partiti, non c'era nel testo alcuna traccia della sospensione della prossima rata di luglio, che non è affatto l'ultima visto che tutti gli anni le rate corrono puntualissime. La seconda bugia se la sono bevuti tutti, proprio tutti: i politici di ogni partito e tutti i giornali, fatta eccezione per Libero che sul suo sito Internet ha scritto l'informazione esatta. La prossima rata per i partiti non ammonta a 100 milioni di euro, ma quasi al doppio: 180 milioni. Eppure 100 ha detto Bersani, 100 hanno detto tutti commentando alle agenzie di stampa, 100 hanno scritto i giornali, 100 è scritto perfino sul resoconto della commissione finanze della Camera quando il rappresentante dell'Idv, Ignazio Messina, ha giustamente fatto notare che nessuno ha inserito la norma che avrebbe dovuto congelare il rimborso.

Fossero soldi loro... - Non si tratta solo di un lapsus, ma di evidente incuria. Ai segretari dei partiti politici dovrebbe essere chiesto almeno di sapere con precisione e con dolore quanto portano via ogni anno dalle tasche degli italiani, che non sono consenzienti. Fossero soldi loro o della loro famiglia, potete stare certi che non avrebbero sbagliato cifra. Essendo soldi estorti agli italiani, garantiti ogni anno come il limone, i vari Bersani & c non hanno nemmeno coscienza del peso che hanno: per loro 100 o 180 è la stessa cosa. Tanto poi li buttano dalla finestra come abbiamo visto nelle recenti inchieste che hanno scoperchiato solo i conti di due partiti (potete essere certi che non sono gli unici).

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dionisio.attanasio

    16 Aprile 2012 - 09:09

    Egr.On Bersani, non la capisco, ha dichiarato ai giornalisti assieme a Casini ed Alfano che sarà sospeso l'ultimo versamento ai partiti, e successivamente richiede il contributo ,caso contrario fallisce il partito,secondo il mio punto di vista che può essere sbagliato, il partito è come una azienda che deve sostenersi con i proventi del tesseramento,l'imprenditore quando si trova in difficoltà vende, perchè non vendete quello che avete, case e quanto altro avete cosi sostenete la azienda "partito", non dovete gravare sullo stato, fare scempio di denari, cene,auto blu con scorte autisti,e altro. Fate delle conferenze dicendo che l'Italia è alla banca rotta, certo voi non fate niente per salvarla, anzi vi caricate con richiesta di soldi.Però quarda caso approvate le leggi che vi presenta il Prof. Monti sottraendo soldi ai piccoli pensionati con pensioni di 500 euro almese , ma non vi vergognate, non intendete lasciare niente.

    Report

    Rispondi

  • robet

    14 Aprile 2012 - 12:12

    in vita mia non ho mai saltato una votazione ma questa volta no , non ci vado e invito tutti gli Italiani di tutti i partiti a fare lo stesso . in questo modo dareno una scossa ed oltretutto , se 10.000.000 di italiani in piu non vanno a votare risparmieremo 45.000.000€ di contibuto ai partiti.

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    14 Aprile 2012 - 11:11

    Io dubito molto della loro ignoranza, credo alla loro furbizia.Da quanto si evince di quello che sta accadendo penso che l'interpretazione "fondi per i partiti" si debba interpretare fondi per loro tasche. Tutti ma proprio tutti ne fanno un uso extra liberale. Non capisco comunque l'accanimento verso la Lega da parte della magistratura quando ignorano questi fondi dati ai partiti ormai spariti. Ignorano i Penati i fini,i rutelli e così via. Ma sei procure vuol dire forse voler eliminare una corrente contraria agli usurpatori della nostra libertà? Se i soldi dati ai partiti ne fanno un uso sbagliato ingannando i propri iscritti non sono forse questi che devono denunciare l'uso improprio? Semmai la finanza dovrebbe domandarsi perchè dare tutto questo denaro che arricchisce poche persone mentre si nega il finanziamento a chi ne ha bisogno per lavoro? Penso male quando dico sono tutti collusi?

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    14 Aprile 2012 - 11:11

    Io dubito molto della loro ignoranza, credo alla loro furbizia.Da quanto si evince di quello che sta accadendo penso che l'interpretazione "fondi per i partiti" si debba interpretare fondi per loro tasche. Tutti ma proprio tutti ne fanno un uso extra liberale. Non capisco comunque l'accanimento verso la Lega da parte della magistratura quando ignorano questi fondi dati ai partiti ormai spariti. Ignorano i Penati i fini,i rutelli e così via. Ma sei procure vuol dire forse voler eliminare una corrente contraria agli usurpatori della nostra libertà? Se i soldi dati ai partiti ne fanno un uso sbagliato ingannando i propri iscritti non sono forse questi che devono denunciare l'uso improprio? Semmai la finanza dovrebbe domandarsi perchè dare tutto questo denaro che arricchisce poche persone mentre si nega il finanziamento a chi ne ha bisogno per lavoro? Penso male quando dico sono tutti collusi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog