Cerca

Grillo fa tremare Bersani: il comico è il terzo partito

Sondaggio Swg, boom del Movimento 5 Stelle. Salgono gli astensionisti, mentre Pdl e Pd vacillano. Bersani e Vendola contro Beppe

Grillo fa tremare Bersani: il comico è il terzo partito

Bersani, guardati dagli amici. Da quelli "carne della carne" della sinistra, cresciuti all'ombra del partitone d'opposizione (Pds, Ds, ora Pd) ma con le mani slegate dai vincoli parlamentari e d'amministrazione. E che ora raccoglieranno i frutti dell'antipolitica che loro stesso hanno seminato. Il crollo di Silvio Berlusconi come quello del muro di Berlino: via tutti, indistintamente, i ruderi del passato. Il segretario democratico l0 ha capito, e le sue parole a Tgcom24 parevano un'invocazione di pietà: "Se c'è qualcuno che pensa di stare al riparo dall'antipolitica si sbaglia alla grande. Se non la contrastiamo, spazza via tutti".

Escalation - Parlava a ragione veduta, visto che un sondaggio Swg stava giusto giusto lanciando l'allarme: il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo oggi si attesterebbe al 7,2% nazionale nelle intenzioni di voto degli italiani. Risultato sbalorditivo, ma fino a un certo punto perché se sul web il M5s è una forza devastante in termini di mobilitazione e partecipazione, dai blog ai social network. E soprattutto perché il bacino dei possibili astensionisti aumenta giorno dopo giorno (un sondaggio di Demopolis parla di 23%, mentre per Ispo per Corriere della Sera se si votasse oggi non voterebbe il 49% degli intervistati) ed è da quello che attinge il comico-satirico-capopopolo genovese.

Antipolitico - Che tra l'altro, ricorda il Fatto quotidiano, il suo banco di prova elettorale, sia pure amministrativo, l'ha già superato ottenendo ottimi risultati nel 2010 in Emilia Romagna (7% alle Regionali 2010, terzo partito in assoluto) e in Piemonte (4%) e nel 2011 alle comunali a Bologna (9,5%) e Torino (5,4%). A Rimini, poi, arrivò addirittura in doppia cifra. Difficile ripetere un risultato di quel tipo alle politiche 2013, non impossibile invece centrare il podio. Per diventare il terzo partito italiano (il quarto, contando quello dell'astensione), in fondo, basta che Monti continui a tassare e che Pdl e Pd accettino di tenergli il bordone fino a fine legislatura. Anche perché la Lega rischia di venire affossata dagli scandali giudiziari, così come Sel inguaiato in Puglia. E se anche Nichi Vendola, sodale di Grillo in tante battaglie, inizia a definire Beppe "un fenomeno di populismo che non ha le caratteristiche per offrire una prospettiva al nostro paese. Considero il populismo un nemico", significa che il punto di svolta non è mai stato così vicino.


 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • actarus19751907

    19 Aprile 2012 - 11:11

    Voterò Movimento 5 stelle e non ho mai votato a sinistra.. Nessuno dei Suddetti come diceva R. Pryor in un famoso film... Ma meglio che non andare a votare è fare il male maggiore hai partiti attuali.. cosa può metterli in crisi avere un partito non controllato come quello di Grillo al 15- 20 o 30 percento.. se accade saranno affari vostri.. Ricercatore molto precario da sei anni che non ha futuro!!! grazie Brunetta grazie Gelmini...

    Report

    Rispondi

  • grido68

    17 Aprile 2012 - 12:12

    Secondo me , quando veramente chi detiene i poteri , inizierà ad essere infastidito dall'ingombro del M5S inizieranno le inchieste della magistratura, la campagna infangatoria dei mezzi di comunicazione e tutto verrà ricondotto nei ranghi. Lo dimostrano lo stato le banche e la mafia, in Italia se vuoi comandare devi avere soldi e armi , se no non conti nulla.

    Report

    Rispondi

  • libero

    17 Aprile 2012 - 12:12

    o Beppe Grrillo o la rivolta.Non andare a votare, per la casta sarebbe solo un dato statistico. Quando il neogoverno frutto di un golpe bianco non e' altro che la continuita' di quelli precedenti poiche' ha peggiorato lo stesso percorso di piu' tasse,piu' spesa pubblica e nessun taglio ,, mentre il paese affonda o meglio soccombe,i tre dell' avemaria,non piu' degni di nome e cognome ma di una sigla da sillabario che fanno? hanno la sfrontatezza o meglio la faccia di m.....di chiedere soldi per le loro baraccopoli,come extraterrestri capitati improvvisamente sulla Terra,al di la di qualsiasi principio morale infischiandosene indignitosamente delle istanze del popolo,costretto per colpa anche della loro ignavia per essere educati,a subire tragiche conseguenze,per anni. Solo vuote parole stentoree su un progetto di crescita, di svilupp,di detassazione.Banalita' e luoghi comuni ma con la certezza matermatica:la disturuzione di un paese da parte di vecchi e nuovi cialtroni politici.

    Report

    Rispondi

  • duxducis

    17 Aprile 2012 - 11:11

    Nessuno puo' fare peggio di questa classe politica di delinquenti. 2 Trilioni di euro di debito e la massima tassazione esistente sul pianeta non possono essere giustificate in nessun modo. O l'esercito prende iniziativa e mette in prigione la quasi totalita' dei politici e li processa per aver devastato l'Italia per decenni o ci tocchera' votare Grillo e chiedere che sia ordinato all'esercito di creare il tribunale speciale per eliminare la feccia che ci disonora. L'attuale establishment e' RESPONSABILE del disastro economico del nostro paese e va PUNITO a dovere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog