Cerca

I pm: "Formigoni e suo fratello in ferie a spese degli indagati"

Inchiesta sulla Fondazione Maugeri: caos tra super-rimborsi e consulenze fantasma. Spuntano pure i viaggi del Governatore

I pm: "Formigoni e suo fratello in ferie a spese degli indagati"

Fondi neri e azioni di pressione lobbistica. Fatturazioni fasulle e conti esteri per nascondere i movimenti di denaro. Sei arresti, fra cui il mediatore d’affari Pierangelo Daccò - già in carcere perché pesantemente coinvolto nello scandalo San Raffaele - e l’ex assessore Antonio Simone.

Le dichiarazioni di Grenci - E poi una struttura d’eccellenza come la pavese Fondazione Maugeri al centro di un pasticcio di rimborsi regionali gonfiati e consulenze fantasma - si parla di 56 milioni spariti - con i vertici dell’istituto sotto inchiesta. E però, sullo sfondo, ecco che si staglia la figura del governatore Formigoni. Ieri il Corriere della Sera ha svelato le dichiarazioni di Giancarlo Grenci, l’operatore finanziario svizzero che per Daccò creò la ragnatela di società estere attraverso cui sarebbe transitato il denaro accumulato illecitamente - e per questo indagato. Grenci ha parlato di viaggi e vacanze pagate allo stesso Formigoni e anche a suo fratello Carlo, presentando come prova una carta di credito. Formigoni ha replicato sdegnato. La Procura ha comunque precisato che il presidente lombardo non è indagato.

Come per il San Raffaele - L’inchiesta è in pieno svolgimento. Ancora ieri gli inquirenti hanno disposto una serie di perquisizioni, a Milano e a Roma e anche a Tradate (Varese), dove la Maugeri ha un centro. I magistrati - secondo cui il sistema per far sparire i soldi è del tutto simile a quello che ha portato al crac del San Raffaele, e nell’ordinanza lo definiscono «un allarmante fenomeno criminale» - intendono verificare tutte le spese e i giustificativi. Sempre nell’ordinanza, i pm esemplificano il sistema di occultamento del denaro: la società austriaca MTB, riconducibile a Daccò, riceve nel 2008 pagamenti per più di 13.231.000  euro, tutte sottoscritte dal presidente della Fondazione Umberto Maugeri - ai domiciliari, e ieri interrogato.

Yacht e vini pregiati - I soldi vengono poi divisi in tanti rivoli bancari (in Portogallo, Inghilterra e via dicendo) gestiti proprio da Grenci - e circa due milioni arrivano all’ex assessore Simone, da anni in affari con Daccò. In teoria, i soldi pervenuti alla MTB dovrebbe corrispondere a prestazioni fornite alla Fondazione stessa. E invece le uniche spese di quella società riguardano l’acquisto di una yacht e di vini pregiati.

di Andrea Scaglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mpex81

    17 Aprile 2012 - 12:12

    che anche Gesù ha sbagliato nello scegliere i collaboratori. Qualcuno però gli ricordi com'è finita .......... !

    Report

    Rispondi

  • tontolomeo baschetti

    17 Aprile 2012 - 11:11

    Fai bene, perché verresti spazzato via, con tutta la tua feccia.

    Report

    Rispondi

blog