Cerca

Belsito restituisce oro e diamanti Carroccio: Rosi renda i 200mila €

L'ex tesoriere del Carroccio restituisce alla Finanza 5 kg per 11 lingotti d'oro e 11 diamanti: ma il tesoretto non è del tutto recuperato

Belsito restituisce oro e diamanti Carroccio: Rosi renda i 200mila €

L'ex tesoriere della Lega Francesco Belsito ha riconsegnato alla Guardia di Finanza i diamanti e i lingotti d'oro che in un primo momento erano spariti dalla sede del partito in via Bellerio: l'ex amministratore del Carroccio, attraverso il suo avvocato, ha restituito 11 lingotti d'oro e 11 diamanti in confezione sigillata, del valore di qualche migliaia di euro. Ieri gli agenti delle Fiamme gialle avevano eseguito una nuova perquisizione a Milano per trovare 400mila di euro in diamanti e 200mila in lingotti d'oro. Quello di Belsito, che si è detto disponibile a parlare con i pm e raccontare la propria versione dei fatti, è un primo gesto distensivo. Ma, secondo quanto scrive il sito l'indipendenza, all’appello mancherebbero altri brillanti per un valore di 200 mila euro. Dicono che li abbia Rosi Mauro, che intanto s’è trasferita al gruppo misto, e tuttavia rimane vicepresidente del Senato. Ma la ex leghista, nega e minaccia querele. Ce li avrà allora il senatore trevigiano Piergiorgio Stiffoni, ex membro del comitato amministrativo ? Anche lui smentisce.E' caccia al tesoretto.

Il tesoretto Lega - Il malloppo era conservato a Genova, nel "caveau" di una banca. Belsito ha inviato il tutto alla sede della Lega Nord in via Bellerio a bordo di una auto Audi che aveva in uso. L'auto, l'oro ed i diamanti sono stati affidati ad un militante della Lega Nord che, al momento della ricezione della vettura con il suo prezioso carico, ha firmato un verbale in presenza dello stesso Belsito e del suo avvocato difensore, il genovese Paolo Scovazzi. Sembra dunque risolto il giallo dell’oro e dei diamanti che Belsito avrebbe comprato nel novembre scorso in forma di investimento per la Lega Nord.

Il verbale - Nel verbale - siglato per ricezione da Paolo Cesati - si legge: "Oggi 16 aprile 2012 in Genova, presso lo studio legale dell’avv. Paolo Scovazzi, il dott. Francesco Belsito, ex segretario amministrativo federale della Lega Nord. Premessa. La urgenza che ancor prima di un formale passaggio di consegne - allo stato in via di fissazione a seguito di impulso dell’avvocato Paolo Scovazzi - la Lega Nord venga in possesso di cose mobili di sua proprietà, soprattutto al fine di manlevare il dott. Francesco Belsito dall’onere di custodire detti beni senza possederne la titolarità. Tutto quanto sopra premesso, il dott. Francesco Belsito riconsegna alla Lega Nord i beni in appresso indicati attraverso l’affidamento per il trasporto al sig. Paolo Cesati, collaboratore della Lega Nord che ne curerà la riconsegna al nuovo segretario amministrativo federale". Seguono la lista dei lingotti, dei diamanti e le specifiche dell’auto. Nel verbale si annota che "Gli oggetti di cui ai numeri 2) e 3) (lingotti e diamanti, ndr) sono stati fotografati prima della consegna e le foto trattenute dal consegnante".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • teiko

    18 Aprile 2012 - 17:05

    Tralasciamo il fatto che un investimento in metalli preziosi è un investimento intelligente e non un reato. Quello che vorrei evidenziare è il livello ormai infimo degli articoli di Libero. Infatti, titolo: "Carroccio: Rosi renda i 200 milioni". Poi leggi l'articolo e trovi "Dicono che li abbia Rosi Mauro". Ma "dicono" chi? I parenti dell'articolista??? Ma come è possibile pubblicare queste accuse gravissime senza non dico un riscontro, ma senza nemmeno indicare il soggetto che le afferma? Il carroccio non ha detto un bel nulla, Libero scrive "dicono" ma non si sa chi. C'è un limite anche allo spreco di byte, eh?

    Report

    Rispondi

  • psicologio

    18 Aprile 2012 - 16:04

    Anche Grillo ha affermato che quello alla Lega è un complotto, non tanto dei magistrati ma dei giornali di regime. Molte notizie si sono rivelate false o date in modo truffaldino (si è parlato di 11 case della moglie di Bossi; adesso si scopre che le case sono solo 2 ed il resto terreni, che se sono agricoli valgono cifre contenute; con la pensione della moglie e lo stipendio da parlamentare del marito tutto è avvenuto lecitamente). Quanto ad oro e diamanti, il tesoriere ha fatto bene a diversificare gli investimenti; l'importante è che non se li sia fregati. Insomma, un polverone vergognoso in cui non si sa quali notizie sono vere e quali sono false ed in cui come sempre non si sa come i giornalisti vengano in possesso di documenti apparentemente riservati. I finanziamenti ai partiti vanno ridotti sensibilmente, ma finchè ci sarà un partito come il PD che per controllare il territorio nelle regioni rosse ha bisogno di mettere a libro paga migliaia di dipendenti....

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    18 Aprile 2012 - 13:01

    Oro e diamanti? Fantasie dei giornalisti!

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    18 Aprile 2012 - 13:01

    Tutti quei soldi elargiti ai partiti a danno dei cittadini, a cosa servono? Ad arricchire i partiti stessi? Parte di loro? Perché non si pensa di più agli italiani in ginocchio piuttosto che mantenere questa casta di mangia a ufo?

    Report

    Rispondi

blog