Cerca

Ecco Severgnini e Gramellini, nuovi berlusconiani

Monti, serve più ottimismo e meno paura. Il Corriere invoca "fiducia", la Stampa ripudia il "babau". Sono come il Cav?

13
Ecco Severgnini e Gramellini, nuovi berlusconiani

Più fiducia, più ottimismo. Anche questo può essere l'antidoto alla crisi. A dirlo non è Silvio Berlusconi: quando ci ha provato fu sbertucciato, insultato, schernito. No, a dirlo sono due tra i più attivi nello sbertucciare e schernire l'ex premier: i fini corsivisti di Corriere della Sera e Stampa Beppe Severgnini e Massimo Gramellini. Scrive Severgnini: "E' inopportuno agitare lo spettro della Grecia (...). Perché spaventare una nazione spaventata? Meglio rassicurarla". Ohibò, che si sia cavalierizzato? Poi via qualche stoccata ai partiti, da destra a sinistra, ingordi e incapaci di essere in linea con gli umori degli elettori. Ma è al premier Mario Monti che il Corriere riserva un trattamento di tutto punto, barba e capelli: "Deve capire che i segnali pubblici sono importanti quanto i colloqui privati. Abbiamo bisogno di un leader accorto e sensibile, non di un capo che preferisce l'auspico all'incoraggiamento". "Perché Monti continua a farci del male?  - si chiede un costernato Gramellini nel suo Buongiorno quotidiano - Possibile che nella squadra dei tecnici non ci sia uno èpsicologo in grado di spiegargli che i cittadini non sono bambini da spaventare ma adulti da motivare?". Eccolo qua, il caro vecchio tema berlusconiano: l'ottimismo. "Manca una visione del futuro (...). Adesso il sentimento dominante nel discorso pubblico non è più la voglia, ma la paura". Se ci si limita a spaventare il cittadino con il babau della povertà, scrive il vicedirettore de la Stampa, "lungi dal reagire si dispera e si arrende". Ai tecnici, oltre che un filosofo, dunque, serve uno psicologo: "Uno che li aiuti a capire che nel destino delle nazioni esiste qualcosa di più grande dello spread". Parole già sentite, in altri Palazzi. Ma Severgnini e Gramellini possono stare tranquilli: per loro nessuno chiederà la sfiducia.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grisostomo

    grisostomo

    20 Aprile 2012 - 09:09

    Ma questi due sono i più sopravvalutati ciaparatt di tutta la stampa italiana. Gramellini è passato alla storia pochi giorni fa affermando che solo le donne e i gay potevano salvare il mondo (pensate una donna che legge una boiata di questo tipo.......ma lui è uno specialista). Sono due sculacciabuchi, due arronzoni, due marrazzoni. Precipiteranno nel silenzio.

    Report

    Rispondi

  • anxur

    19 Aprile 2012 - 15:03

    Il chirurgo deve intervenire per guarirti ed è giusto che ti infonda ottimismo. Il boia interviene per farti del male.Ti nasconde dove ti sta portando, distraendoti con l'ottimismo. Non si può condannare il chirurgo per l'intervento che fa, a causa dei danni che ti ha procurato il boia.

    Report

    Rispondi

  • biri

    19 Aprile 2012 - 15:03

    Questo arguto economista ha risposto alla mia domanda. Per questo signore, destinato al premio Ig-Nobel, non c'è differenza tra contar balle ed essere ottimisti. Anzi, il luminare sembra suggerire che il vero ottimista è colui che racconta meglio le sue frottole, perché costruisce imperi alle spalle dei creduloni. Non ci si poteva aspettare nulla di diverso, quindi nessuna sorpresa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media