Cerca

previdenza

Per programma ricerca VisitInps Scholars raccolti 248mila euro

Per programma ricerca VisitInps Scholars raccolti 248mila euro

Roma, 4 gen. (Labitalia) - Si è conclusa il 15 dicembre scorso la prima sollecitazione pubblica promossa dall’Inps per il finanziamento del programma di ricerca VisitInps Scholars.

"L’iniziativa - si legge in una nota dell'Inps - ha riscosso un grande successo e grazie alla sensibilità di alcune tra le più importanti istituzioni finanziarie private sono stati raccolti 248.000 euro. L’Inps potrà così ampliare, senza costi a carico del contribuente, il numero dei progetti definiti nell’ambito del proprio piano annuale di ricerca strategico".

Grazie alle risorse finanziarie raccolte, l'Inps si propone di attrarre presso l’Istituto e, più in generale, nel sistema della ricerca in Italia, i migliori ricercatori interessati a studi applicati in tema di lavoro, assistenza e previdenza. E, con questa finalità, oggi, il presidente dell'Inps, Tito Boeri, presenterà il programma negli Usa, nell'ambito del congresso annuale dell'American Economic Association, a San Francisco, dove è prevista una significativa partecipazione di giovani ricercatori provenienti dalle migliori università statunitensi ed europee.

In virtù degli ulteriori finanziamenti ricevuti, l'Inps amplia il numero dei progetti di ricerca finanziati dai privati approvati lo scorso 14 dicembre passando da 22 a 31 e pubblica la lista aggiornata dei vincitori di VisitInps scholars. L’Inps ha scelto di intitolare una delle borse di studio alla memoria di Valeria Solesin, e di attribuirla, per l'anno 2015, al miglior progetto sui temi della solidarietà, argomento sul quale si concentravano gli studi della giovane italiana rimasta vittima degli atti di terrorismo di Parigi il 13 novembre scorso.

"VisitInps - si ricorda - metterà a disposizione le sue basi statistiche, uniche per vastità e profondità di informazioni contenute, per studi su temi ritenuti di grande rilevanza per la politica previdenziale e sociale dall’Istituto, contribuendo alla valutazione delle politiche economiche in Italia". I programmi di ricerca si dividono in 'Fellowship', destinato a ricercatori junior, e 'Scholars A e B' per ricercatori senior, destinato invece a docenti.

I candidati scelti trascorreranno, a partire dal mese di gennaio, un periodo di studio a Roma, presso la sede dell’Inps, e avranno accesso agli archivi dell’Istituto contenenti dati anonimizzati sul sistema italiano di previdenza sociale, le pensioni, il mercato del lavoro, le misure di sostegno al reddito e, più in generale, le politiche di welfare in Italia. I ricercatori sono stati scelti sulla base della validità dei loro progetti legati alle aree di interesse strategico definite dall’Istituto. I progetti di ricerca saranno condotti interagendo con le direzioni pertinenti dell’Istituto, a partire dall’Ufficio studi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog