Cerca

previdenza

Cassa ragionieri: via libera a bilancio con utile a 31,8 mln

Cassa ragionieri: via libera a bilancio con utile a 31,8 mln

Roma, 27 apr. (Labitalia) - L'assemblea dei delegati della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri, presieduta da Luigi Pagliuca, ha approvato il bilancio consuntivo, che chiude il 2015 con un risultato positivo di 31,8 milioni di euro prima degli accantonamenti.

"Il bilancio 2015 -ha sottolineato Pagliuca- ha rilevato l'andamento della nuova politica di gestione degli investimenti mobiliari, attraverso le gestioni patrimoniali, affidate a cinque gestori a seguito dell’aggiudicazione della gara europea che aveva visto alla fine del 2014 la presentazione di 13 offerte per la gestione del portafoglio mobiliare. La nuova forma di gestione, voluta fortemente da questo Consiglio, è stata avviata nella seconda metà del 2015 a seguito del processo di aggiudicazione della gara".

"La gestione della liquidità conferita per 600 milioni (120 milioni a ciascuno dei cinque gestori) ha consentito -ha aggiunto il numero uno della Cnpr- di rilevare proventi da dividendi per 0,9 milioni di euro, proventi da cedole per 6,6 milioni di euro. Le gestioni a fine esercizio esprimevano un controvalore a mercato di 605 milioni di euro". Infine, Cassa Ragionieri ha stanziato oltre sei milioni di euro per il sistema del Welfare nell’anno 2016.

"Il Consiglio di amministrazione -ha spiegato Pagliuca- ha deliberato di implementare i servizi di tutela sanitaria la polizza sanitaria collettiva. Un’altra importante forma di assistenza, per la quale sono stati stanziati per l’anno 2016 1,5 milioni di euro, è l’assegno erogato all’iscritto che ha figli minori per i quali è stato accertato lo stato di grave disabilità ai sensi della legge n. 104/1992. L’assegno -ha concluso il numero uno della Cnpr- viene erogato attualmente sino alla maggiore età del figlio disabile".

All'approvazione del bilancio Cnpr è intervenuto anche Lello Di Gioia, presidente della commissione parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di previdenza e assistenza. "Il fatto che le Casse puntino sul welfare è molto positivo -ha evidenziato- gli assegni pensionistici erogati non sono sempre altissimi e quindi è giusto che a questi si accompagni una serie di servizi che fino ad oggi non erano stati erogati. Il pianeta Casse guarda con molta attenzione al welfare e questo è un fatto molto importante, di cui discutiamo in modo serio anche con il presidente Adepp".

Per quanto riguarda la Cassa Ragionieri, ha continuato Di Gioia, "la presenza degli esperti contabili rappresenta un fatto indubbiamente positivo: si tratta di professionisti che fino ad oggi non avevano nessun riferimento per il loro inserimento in un Istituto previdenziale; c'era bisogno di un atto legislativo, lo abbiamo fatto, e ora questi professionisti hanno una loro casa e possono pensare al futuro". Al comitato dei delegati sono intervenuti Roberto Cunsolo, tesoriere del Cndcec, e Vito Iacono, consigliere nazionale dei commercialisti con la delega alla previdenza, Elisabetta Polentini, consigliera nazionale dell’Anc, ed Elvira Catuogno, vicepresidente dell’Unagraco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog