Cerca

previdenza

Inps, nel 2016 rallentano pensioni liquidate e sale età media

Roma, 21 lug. (Labitalia) - Rallentano, rispetto al 2015, le pensioni liquidate nel primo semestre 2016, pari a 110.576, per effetto dell’adeguamento dei requisiti di età e anzianità all’incremento di quatto mesi della speranza di vita, registrato dall’Istat e sale l'età media totale di pensionamento dei lavoratori dipendenti per le pensioni di anzianità/anticipata a 60,4 anni rispetto ai 59,9 del 2015. E' quanto registra l'Inps nel Rapporto che aggiorna il monitoraggio dei trattamenti pensionistici liquidati nel Fondo Pensioni lavoratori dipendenti nel complesso (comprensivo delle contabilità separate e degli ex Enti creditizi) e nelle gestioni autonome dei Coltivatori diretti mezzadri e coloni, degli Artigiani, dei commercianti e dei lavoratori Parasubordinati.

Dalla rilevazione effettuata al 2 luglio 2016, dunque, risultano liquidati nel Fondo Pensioni lavoratori dipendenti (Fpld) 313.673 trattamenti con decorrenza 2015 e 110.576 con decorrenza nel primo semestre 2016. Per le gestioni dei lavoratori autonomi nel complesso sono state liquidate rispettivamente 199.499 pensioni con decorrenza 2015 e 65.363 con decorrenza nel primo semestre 2016. Si registrano inoltre 48.120 assegni sociali liquidati con decorrenza nel 2015 e 13.912 con decorrenza nel 2016.

Relativamente al Fondo Pensioni lavoratori dipendenti e alle Gestioni speciali dei lavoratori autonomi (con esclusione dei parasubordinati) si evidenzia un’ulteriore riduzione del numero di liquidazioni per effetto dell’incremento del requisito di vecchiaia delle donne previsto dalla legge 214 del 2011, rispettivamente pari a 18 mesi per le lavoratrici dipendenti del settore privato e un anno per le lavoratrici autonome.

Il Rapporto Inps, inoltre, registra, dai dati del primo semestre del 2016 rispetto a quelli del 2015, una minore consistenza delle pensioni di vecchiaia rispetto a quelle di anzianità/anticipate. Infine, sempre in confronto al dato complessivo del 2015, nel primo semestre 2016 si registra nelle liquidazioni un peso superiore della componente femminile, e una sostanziale stabilità della componente di trattamenti ai residenti del Nord.

Nel periodo gennaio-giugno 2016, l’età media totale di pensionamento (considerando cioè entrambi i generi) è risultata essere, nel Fondo Pensioni lavoratori dipendenti, di 65,1 anni per la pensione di vecchiaia (era lo stesso livello nel 2015) e di 60,4 anni per la pensione di anzianità/anticipata (59,9 nel 2015). Per la gestione autonoma Coltivatori diretti mezzadri e coloni, l’età media totale di decorrenza della pensione è - per il primo semestre 2016 - di 69,7 anni per la vecchiaia e di 60,4 per l’anticipata, mentre per il 2015 è stata, rispettivamente, pari a 68,2 e 59,9 anni.

Per gli Artigiani l’età media di pensionamento per il 2016 è di 66,1 anni per la vecchiaia (66,3 nel 2015) e di 60,9 anni per l’anticipata (60,4 anni per il 2015). I commercianti sono andati in pensione di vecchiaia, in media, a 66,5 anni nel 2016 e a 66,4 anni nel 2015, mentre per la pensione anticipata i valori sono stati di 61,4 anni per il 2016 e di 61 anni per il 2015. Infine, per quanto riguarda i parasubordinati, conclude l'Inps, si deve considerare la sola pensione di vecchiaia, con un’età media alla decorrenza di 68,9 anni per il primo semestre 2016 e di 67,9 anni per il 2015.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog