Cerca

lazio/roma

Coopi, scaviamo nel profondo dei nostri pazienti

(video)
Coopi, scaviamo nel profondo dei nostri pazienti

Roma, 12 feb. (Labitalia) - "Esercitiamo la professione intellettuale più antica, nell'ambito della conoscenza del proprio io, ovvero la psicoanalisi. Ci occupiamo di fare un lavoro di scavo profondo nella storia di vita del paziente, alla ricerca di una forma di conoscenza sempre più profonda del proprio sistema di funzionamento". Lo dice a Labitalia Ivan Ottolini, presidente del Coordinamento psicoanalisti italiani (Coopi), che aderisce al Coordinamento delle libere associazioni professionali (Colap).

"Non sono molti i giovani -ammette- che si accostano a questa professione. Sarebbe bello che si ritornasse ad avere un desiderio più forte di scegliere questo percorso formativo".

"Certo, chi sceglie di diventare psicoanalista -aggiunge Ottolini- deve affrontare una formazione molto lunga e di molti anni e prevede un grosso lavoro su se stessi, attraverso una propria analisi personale".

"La nostra organizzazione -spiega- è costituita da molte associazioni psicoanalitiche e da singoli professionisti, per tutelare i loro diritti e promuovere i rapporti con le istituzioni e la società. Sono appartenenti al Coopi i singoli professionisti che ne siglano gli standard e ne rispettano l'autoregolamentazione interna. Non siamo un'associazione di formazione psicoanalitica e non rappresentiamo alcun orientamento teorico specifico della psicoanalisi".

"Una delle nostre funzioni -ricorda Ivan Ottolini- è agire come autoregolatore volontario della professione. Pubblichiamo un registro annuale dei professionisti che praticano in linea con i nostri criteri formativi. Ciò è anche in linea con le raccomandazioni formulate dallo Stato italiano sull'organizzazione delle professioni non regolamentate".

"I nostri obiettivi primari -continua- sono impostare e promuovere gli standard per la professione di psicoanalista, pubblicare un registro di tutti coloro che soddisfano questi standard e assicurarsi che tutti i soci continuino a soddisfare tali standard".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog