Cerca

professionisti

La storia, da maestro artigiano a top manager internazionale

La storia, da maestro artigiano a top manager internazionale

Bolzano, 12 feb. (Labitalia) - Ambizione, voglia di lavorare e desiderio di crescere costantemente: sono state queste le tre doti che hanno da sempre caratterizzato la vita professionale di Markus Heinz. Originario di Naturno (Bolzano) è, infatti, diventato uno dei sei amministratori delegati di Ivoclar Vivadent, impresa che ha saputo farsi un nome in tutto il mondo nella fabbricazione e distribuzione di prodotti nel campo odontoiatrico.

Il tutto fino a poter contare su oltre 3.000 collaboratori nelle proprie sedi in Alto Adige, Austria, Liechtenstein, Svezia, Stati Uniti e Filippine, senza naturalmente dimenticare la presenza di uffici commerciali in tutto il mondo.

Una storia, quella di Heinz, iniziata oltre 30 anni fa da apprendista e alunno della scuola professionale di Silandro e proseguita tanto con il conseguimento del titolo di maestro quanto con l’inizio del lavoro, in qualità di ingegnere meccanico, proprio in uno dei laboratori della Ivoclar Vivadent. Un ruolo nel quale Heinz ha fatto immediatamente vedere tutte le proprie capacità, venendo promosso prima nel settore della produzione e quindi al ruolo di responsabile tecnico.

Dopo aver guidato lo stabilimento della ditta alle Filippine, nel 2011 l’altoatesino è diventato amministratore delegato a Naturno e poi è stato nominato senior director presso la casa madre di Schaan, in Liechtenstein. Dal 1° luglio dello scorso anno Heinz è chief production officer del gruppo Ivoclar Vivadent e, dunque, responsabile mondiale per la produzione e la logistica, nonché uno dei sei membri del consiglio d’amministrazione.

“Se nel corso della mia carriera -ha detto- non avessi avuto l’opportunità di formarmi e aggiornarmi con costanza, dubito che avrei potuto raggiungere questi traguardi. Il servizio offerto ai clienti è diventato ormai decisivo per essere competitivi a livello nazionale e internazionale. Proprio per questo dipendenti cortesi, flessibili ed efficienti da un punto di vista operativo, sono ormai imprescindibili, al pari di un’adeguata digitalizzazione: un fattore, quest’ultimo, decisivo se si vuole essere concorrenziali”.

“Per il 2016 l’Associazione provinciale dei Maestri -ha ricordato il presidente, Martin Haller- ha fissato come proprio obiettivo quello di conoscere maestri ed aziende di maestri capaci di ottenere grandi successi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog