Cerca

professionisti

Brightcove: Mark Blair vicepresidente Emea

Brightcove: Mark Blair vicepresidente Emea

Roma, 31 mar. (Labitalia) - Brightcove Inc., fornitore leader di servizi cloud per il video, annuncia la nomina di Mark Blair a vicepresidente in Emea con l’incarico di guida delle operazioni di vendita e marketing nei mercati di Europa, Medio Oriente, Africa, e il suo ingresso come membro nel consiglio esecutivo di Brightcove.

E' quanto si legge in una nota, secondo cui Blair "si occuperà dalla regione Emea dopo i successi raggiunti da vicepresidente nell’area Asia-Pacifico (Apac), che hanno contribuito alla crescita aziendale grazie alle numerose sfide vinte nei servizi ott, con marchi e aziende leader che scelgono i contenuti video per le operazioni di comunicazione e digital marketing". Durante la sua permanenza alla guida delle operazioni in Australia, Nuova Zelanda, e Sud Est asiatico, Blair ha consolidato la posizione di Brightcove come leader di mercato e partner di fiducia di compagnie broadcaster ed editori.

In particolare, Blair ha assicurato a Brightcove il ruolo di fornitore di servizi cloud per il video di tutte le emittenti commerciali non a pagamento di Australia e Nuova Zelanda. Inoltre, sotto la guida di Mark, aziende operanti nel settore media come Mediaworks, Nine Entertainment, e Network Ten hanno scelto Brightcove per la realizzazione di progetti OTT e la fornitura di servizi video on demand supportati da pubblicità (Avod).

David Mendels, ceo di Brightcove, ha dichiarato: "Conosco Blair da molti anni, ha sempre dimostrato -ha sottolineato- le sue capacità di costruzione di gruppi di lavoro straordinari e di realizzazione di strategie. Sono certo che le sue doti di imprenditore e la conoscenza profonda dei prodotti e degli aspetti tecnici costituiscano una risorsa enorme per i nostri clienti in Europa e possano guidare la nostra crescita nei prossimi anni a venire".

Da parte sua, Blair ha commentato: "Dopo sei anni alla guida delle operazioni per Brightcove in Apac, sono orgoglioso di tornare a Londra e pronto a iniziare una nuova sfida. L’industria video si trova a un interessante punto di svolta, con il numero dei dispositivi in crescita e le aspettative degli utenti in aumento che costringono broadcaster ed editori a fornire esperienze video uniche. Non vedo l’ora di rafforzare la nostra posizione nel mercato in Europa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog