Cerca

professionisti

L'esperto, la sharing economy sta cambiando le professioni

L'esperto, la sharing economy sta cambiando le professioni

Ferrara, 26 apr. (Labitalia) - "La sharing economy sta cambiando le professioni". Parola di Andrea Pugliese, co-fondatore di Impact Hub Roma, esperto di politiche di sviluppo locale e di processi di social innovation, che al Ferrara Sharing Festival (22-26 maggio) racconterà come cambia il mondo del lavoro gettando uno sguardo alle possibili professioni del futuro

"Le professioni esistenti -dice a Labitalia- vanno sempre più permeandosi di una dimensione collaborativa, basti pensare agli spazi di coworking, luoghi di attrazione del talento e sviluppo del dialogo. Al contempo, grazie alla sharing economy, si stanno affermando nuove figure professionali: lo specialista di relazioni, che accelera lo sviluppo della fiducia o la crescita della reputazione delle piattaforme, l'experience designer, che progetta l'esperienza di sharing dell'utente, il community manager, addetto alla gestione di una comunità virtuale".

"Credo che in Italia -fa notare- la sharing economy possa dare un grande apporto in ambito medico-sanitario e nel settore dei servizi alla persona, con particolare riferimento ai servizi di cura non professionali. Ritengo, inoltre, che possa essere ancora molto vasta l'applicazione nel settore dei trasporti. La sharing economy sancisce il ritorno a una forte etica di collaborazione agevolata dalle piattaforme. Per questo, per le professioni del futuro, è indispensabile una formazione umanistica, unita a competenze tecnologiche".

"Le piattaforme -osserva Andrea Pugliese- sono uno strumento abilitante che consente alle persone di organizzarsi a basso costo con grande efficienza. Ma anche, se l'esigenza di risparmiare è stata la molla che ha innescato la sharing economy, a farla crescere è il piacere di condividere esperienze e di conoscere nuove persone. Gli scambi culturali e le relazioni sono il vero valore aggiunto di questo modello economico".

"La sharing economy -sottolinea- è un'opportunità innanzitutto perché consente a chi è uscito dal mercato del lavoro, e spesso resta tagliato fuori dai sistemi di sicurezza sociale, di reinserirsi o per lo meno riavvicinarsi al mondo produttivo".

"Ma il valore della sharing economy -avverte- non resta confinato al solo ambito economico. Questo nuovo modello economico ha il grande merito di ricreare una socialità che era andata perduta: ricostruisce il tessuto sociale nei centri urbani (come nel caso delle social street) e pone in relazione centri urbani e aree rurali (come nel caso dell'Alveare, la piattaforma che favorisce gli scambi diretti tra agricoltori e comunità di consumatori, creando piccoli mercati temporanei a chilometri zero). Senza dimenticare l'obiettivo fondamentale di rimettere in circolo l'eccesso: eccesso di spazi, di auto, di tempo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog