Cerca

professionisti

Cineas, Life Skills competenze trasversali per leadership

Cineas, Life Skills competenze trasversali per leadership

Milano, 30 ago. (Labitalia) - Non chiamatele soft skills. Soluzione di problemi complessi, capacità di motivare il team, abilità di negoziazione sono vere e proprie competenze ormai imprescindibili per il mercato del lavoro. Le conoscenze tecniche seppur fondamentali, non sono più sufficienti: sono infatti le competenze trasversali quelle su cui si gioca oggi la partita della leadership. Quelle che si tendono a considerare come abilità innate o maturate unicamente con l’esperienza lavorativa, quali intelligenza cognitiva, relazionale ed emotiva, si possono invece sviluppare e allenare al pari delle altre competenze specialistiche.

In questo contesto, Cineas - il Consorzio universitario non profit fondato dal Politecnico di Milano che da circa trent’anni si occupa di formazione avanzata nell’ambito del risk management - ha deciso di realizzare il master 'Life Skills', giunto quest’anno alla terza edizione, riconoscendo la centralità delle competenze trasversali per una carriera lavorativa soddisfacente e di successo e per un profilo professionale più completo e competitivo.

Non considerare e non gestire le life skills può, infatti, comportare degli importanti rischi per l’impresa in tutte le aree: basti pensare, per esempio, ai delicati processi di internazionalizzazione, alle cruciali relazioni con i clienti dei customer service, alle conseguenze negative di conflitti relazionali all’interno dei team.

Per Cineas, quindi, in questo contesto è fondamentale che i professionisti che ricoprono ruoli strategici all’interno di aziende e organizzazioni abbiano una formazione adeguata su queste competenze che vengono definite ‘soft’ ma che hanno conseguenze ‘hard’. “Cercheremo di stimolare la riflessione e di mettere in discussione modelli che molto spesso vengono adottati con scarsa consapevolezza”, afferma Mariella Bisaccia, coordinatrice del master 'Life Skills'.

Il master inizia il prossimo 27 settembre, a Milano, e prevede 64 ore di didattica (organizzate in 4 moduli da due giorni), con una modalità formativa non convenzionale di carattere pratico. In aula, role play, esercitazioni in sottogruppi e discussione di casi, con il coinvolgimento di docenti di alto profilo.

“Il confronto con la classe è particolarmente stimolante - commenta Mirco Soprani, che affianca Mariella Bisaccia nel coordinamento del master - in quanto si tratta di professionisti con livelli di esperienza diversi, provenienti da settori molto distanti tra loro. Pertanto, dal dibattito si creano irripetibili occasioni di apprendimento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog