Cerca

professionisti

Lo scriba della Corona inglese, memoria del mondo passa attraverso la scrittura

(fotogallery)
Lo scriba della Corona inglese, memoria del mondo passa attraverso la scrittura

Milano, 27 set. (Labitalia) - "La memoria del mondo passa attraverso la scrittura, siamo noi che ce ne facciamo carico e la depositiamo su un foglio". A dirlo sir Paul Antonio, lo scriba della Corona inglese parlando della calligrafia, in occasione del Copperplate Calligraphy workshop, negli spazi di coltivazione del futuro di Acqua su Marte a Milano.

Un’arte che ha sperimentato e praticato fin da piccolo, copiando milioni di geroglifici, ideogrammi e alfabeti, passando per la copia dei primi capitoli della Genesi, fino ai lavori sempre più complessi, al servizio della Corona inglese, tutti eseguiti con estrema maestria.

Paul Antonio, nato a Trinidad, è una delle figure di riferimento del mondo della calligrafia contemporanea, che con lui approfondisce, in particolare, lo stile Copperplate, scrittura che affonda le radici nell’Inghilterra del ‘700 e che, con le sue linee leggere e le curve morbide, è da sempre sinonimo di eleganza e stile. Il Copperplate, infatti, fu elaborato come scrittura commerciale in Inghilterra nel Settecento e nel secolo successivo diventò universale, tanto che ancora si insegna alle scuole primarie in molti paesi europei, Italia compresa, e spesso viene usato nei loghi delle pubbliche amministrazioni.

Chiamato così perché inciso su lastre di rame, il Copperplate è uno stile di scrittura decorativo ed esuberante, caratterizzato dall’alternarsi di chiari e scuri, con lettere maiuscole particolarmente elaborate. A renderlo così famoso, la diffusione del pennino metallico, più flessibile e resistente della penna di volatile utilizzata per scrivere fino al XIX Secolo.

"La calligrafia -racconta Paul Antonio- è per me una passione grandissima, scoppiata quando avevo appena 9 anni tra i banchi della mia scuola a Trinidad. Il gesso sulla lavagna della maestra mi ha rivelato quale sarebbe stato il mio futuro e oggi, quando la Corona inglese deve firmare la nomina di un Lord, una Lady o un giudice, mi viene consegnato il documento, io lo scrivo e lei lo firma".

"L’intensità con cui -sottolinea Francesco Guerrera, socio fondatore di Acqua su Marte- Paul Antonio scrive ha dell’incredibile. Un’intensità altissima, degna solo dell’arte più vera. Dopotutto, per lui, la grafia è la via per diventare eterni, il tratto che racconta di noi, dell’hic e del nunc, il qui e l’ora, ed è proprio l’essenza di questo suo modo di vivere, oltre che di lavorare, che trasmetterà ai partecipanti del workshop".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog