Cerca

professionisti

Periti agrari a Congresso, al centro filiera agroalimentare

Periti agrari a Congresso, al centro filiera agroalimentare

Roma, 28 set. (Labitalia) - Il cibo dal campo alla tavola. La filiera agroalimentare, dalla produzione alla trasformazione passando per la commercializzazione, qualità e sicurezza alimentare: saranno questi i temi al centro del 18esimo Congresso nazionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati, in programma a Barga (Lucca) dal 6 all’8 ottobre. Il Congresso è stato presentato questa mattina, a Roma, alla Camera dei deputati, alla presenza di Luca Sani, presidente della XIII commissione Agricoltura.

Nella tre giorni lucchese, saranno approfondite le peculiarità e le opportunità della professione di perito agrario nel contesto nazionale e internazionale; in particolare, saranno oggetto dei lavori i percorsi di produzione di cibo, le sue qualità, la sostenibilità nel contesto economico ambientale e di salvaguardia dell’ambiente.

"Oggi - spiega il presidente del Collegio nazionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati, Lorenzo Benanti - può occuparsi con successo di gran parte dei problemi tecnici ed economici del comparto agricolo. Un’attività che trova particolare corrispondenza con due settori sempre più contemporanei e attuali come quello del mondo della trasformazione agroindustriale e quello dell’applicazione delle normative dell’Unione europea in materia di supporto e affiancamento alle imprese. Quella del perito agrario è una figura professionale sempre più moderna e innovativa di cui l’agricoltura ha bisogno".

La filiera agroalimentare è sempre più al centro dell’interesse generale e nel futuro della professione di perito agrario in un’ottica globale, dove assume maggiore importanza il valore, la tutela e il miglioramento dei prodotti agroalimentari dalla produzione primaria al consumo finale. Senza tralasciare il contesto ambientale e di sostenibilità che le produzioni devono garantire.

"Per tre giorni il Collegio interprovinciale della Toscana - aggiunge la presidente Giulia Parri - ospiterà l'evento del Congresso nazionale della categoria. Il nostro territorio sarà protagonista, insieme con i professionisti e alle aziende delle tematiche riguardanti le filiere agroalimentari e non solo. L'obiettivo è quello di creare un evento che possa permettere un trasferimento delle conoscenze e competenze dal professionista al mondo agricolo".

Il Congresso 2016 è organizzato dal Collegio nazionale dei periti agrari e dei periti agrari laureati, in collaborazione con il Coordinamento regionale dei Collegi provinciali dei periti agrari e dei periti agrari laureati della Toscana; e con il Collegio interprovinciale dei periti agrari e dei periti agrari laureati di Lucca, Pisa, Pistoia, Livorno e Massa Carrara.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog