Cerca

professionisti

Tornano gli Open day per aspiranti analogisti

Roma, 6 ott. (Labitalia) - Tornano gli Open day per aspiranti analogisti. Una giornata di lezione e di coworking con il fondatore delle discipline analogiche, lo psicologo Stefano Benemeglio, per chi vuole intraprendere il percorso formativo di analogista o anche solo apprendere come comunicare meglio e in modo più efficace per ottenere assenso e consenso, migliorare il rapporto con se stessi e con gli altri e conoscere un nuovo approccio al benessere, al lavoro e alla vita. Inoltre, la conoscenza delle discipline analogiche vuole essere anche un prezioso strumento di orientamento in ambiti professionali e aziendali.

Dopo le tappe di Bari e Torino, l’Università popolare delle discipline analogiche, fondata da Stefano Benemeglio, presenta la propria offerta formativa per l’anno accademico 2016-2017 il 9 ottobre a Verona (sede Upda in via Ponte 1, San Martino Buon Albergo), il 16 ottobre a Brindisi (Grande Albergo Internazionale, lungomare Regina Margherita 23), il 23 ottobre a Roma (Hotel Sina Bernini Bristol, piazza Barberini 23) e il 30 ottobre a Taranto (sede Upda, via Alberto Sordi 36), dalle ore 10 alle 18,30, con partecipazione gratuita (prenotazione al numero verde 800 910 179 o all’indirizzo internet www.eventibenemeglio.it).

'Costruisci il tuo futuro!': questa l’esortazione delle discipline analogiche che, credendo nelle grandi potenzialità di ogni essere umano, invitano a liberarsi da paure e blocchi in modo da gestire al meglio le emozioni. Il tutto dialogando con il proprio inconscio e con quello delle altre persone attraverso tecniche di linguaggio non verbale che si possono apprendere grazie a un percorso formativo, personale e professionale, che si concretizza nella figura dell’analogista, una nuova professione disciplinata dalla legge 4/2013.

"Le discipline analogiche - spiega Stefano Benemeglio - sono discipline integrate che studiano l’inconscio, ossia l’insieme delle leggi e delle regole che governano l’emotività dell’uomo. La finalità di queste discipline è il benessere e la felicità. E l’uomo è felice solo quando riesce a perseguire i propri sogni in libertà e in pace con la propria coscienza e la propria dignità. Ed è questo l’obiettivo che intendiamo raggiungere".

La formazione integrale in discipline analogiche è un percorso strutturato nei seguenti corsi di studio: Ipnosi dinamica benemegliana, Comunicazione analogica non verbale, Filosofia analogica, Fisioanalogia per il benessere e la salute, Attività di analogista.

Negli ultimi 50 anni di studi, infatti, le discipline analogiche si sono arricchite di un corpo teorico e sperimentale. È nata così una nuova scienza del benessere basata su principi definiti e su una precisa metodologia che tutti possono apprendere per decodificare l’alfabeto dell’inconscio e il linguaggio non verbale e analogico (un termine che sta per non logico ma anche per analogia), attraverso il quale il mondo emotivo esprime e comunica costantemente il suo stato e le sue esigenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog