Cerca

Immigrati: medico Lampedusa, bimba ha rischiato di morire durante parto

Cronaca

Palermo, 20 apr. (Adnkronos) - "E' stato un parto molto travagliato e la piccola ha rischiato di morire soffocata perche' aveva due giri di cordone ombelicale al collo che le impedivano di venire alla luce". Sono trascorse 15 ore dal parto di Viviane, la nigeriana 23enne sbarcata ieri pomeriggio a Lampedusa sul barcone con i 760 africani, ma il dottor Pietro Bartolo, responsabile del poliambulatorio dell'isola e' ancora emozionato. E' stato lui a fare nascere la bambina venuta al mondo appena un'ora dopo lo sbarco a Lampedusa.

"E' stato un parto travagliato -ha spiegato il medico all'ADNKRONOS- perche' la donna aveva rotto le acque almeno 48 ore prima e il liquido era gia' verde, quindi la bimba era davvero molto sofferente con il rischio imminente di morire perche' i battiti del cuore erano ormai quasi inesistenti. Quindi, ho dovuto accelerare al massimo il parto naturale, visto che nel nostro poliambulatorio non esiste una sala operatoria e dunque non si puo' fare il parto cesareo".

"Cosi' mi sono rimboccato le maniche -racconta ancora il dottor Bartolo- e ho fatto una incisione alla giovane madre che era gia' molto dilatata". Dopo un travaglio interminabile la piccola e' venuta alla luce. "L'abbiamo immediatamente rianimata -dice ancora il medico- somministrandole dopo la nascita ossigeno per permetterle di sopravvivere". Non si conosce ancora il nome della bambina di Viviane Akhamien, la nigeriana arrivata da sola sul barcone con il carico di disperati perche' il marito e' rimasto in Libia a causa della mancanza di spazio sull'imbarcazione. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog