Cerca

Sanita': in Lombardia 'estinzione' medici, domani summit Regione-atenei

Cronaca

Milano, 20 apr. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Entro il 2015 anni la Lombardia perdera' almeno 7.600 medici, in pratica 2 su 5 di quelli in servizio al 2010. Un "problema evidente e preoccupante" che per l'assessore alla regionale alla Sanita', Luciano Bresciani, "necessita di un progetto risolutivo in concerto con tutte le forze" in campo. Senza escludere la possibilita' di valutare azioni coraggiose o rivoluzionarie, come l'abolizione del numero chiuso nelle Facolta' di medicina. Rivedere le modalita' di accesso degli aspiranti 'camici bianchi' all'universita' e' una delle ipotesi che Bresciani discutera' domani con i 6 presidi di Medicina. E la linea dell'assessore sembra essere sostenuta anche dal presidente Roberto Formigoni. Il summit Regione-atenei e' in programma alle 16.00 negli uffici dell'assessorato.

La Direzione generale Sanita' ha stimato la carenza di personale strutturato della dirigenza medica che si verifichera' in Lombardia nei prossimi 5 anni, a seguito di cessazioni a vario titolo (pensionamenti, trasferimenti, decessi): per il quinquennio 2011-2015 si calcola un totale di circa 11.500 medici in meno. Sono stati anche quantificati i contratti di specializzazione, ministeriali e regionali, che verranno sottoscritti in Lombardia nel prossimi 5 anni con i laureati in medicina e chirurgia.

Mettendo a confronto le cessazioni previste con il numero di contratti di specializzazione che ci si aspetta di attivare nel quinquennio, il totale delle carenze attese per il periodo 2011-2015 risulta appunto di circa 7.600 posti. Pari al 40% dei medici in servizio nel 2010. E la stima delle carenze peggiora ulteriormente, avverte ancora la Regione, se si tiene conto del tasso medio di abbandono dei corsi di studio che corrisponde all'incirca al 6% degli iscritti per anno. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog