Cerca

Cultura: il settore torna a bussare alla porta del Mibac (2)

Cultura

(Adnkronos) - ''Il governo francese -rendono noto i promotori- investe nella sola Ope'ra de Paris 105 milioni di euro l'anno, a fronte del governo Berlusconi, che per tutto il settore dello spettacolo, per il 2010 ha stanziato poco piu' di 400 milioni di euro e per il 2011 ha mantenuto piu' o meno la stessa quota'', solo dopo ''estenuanti trattative e proteste''; aumentando ''le accise sulla benzina e mostrando (quasi fosse nel dna di questo esecutivo) una concezione della cultura non come diritto, ma come una sorta di 'tassa' che i cittadini debbono pagare, dimenticando e rovesciando il dettato costituzionale''.

Le associazioni pero' hanno apprezzato la volonta' di Galan ''di aprire una nuova fase ma -sottolineano- occorrono impegni precisi e concreti. Perche' nelle dichiarazioni programmatiche, illustrate al Senato dal neo ministro, non sono mancati annunci tanto impegnativi da metterne in seria discussione la credibilita'''.

''Galan -aggiungono- ha evocato un Piano Roosevelt per la cultura, ha messo sul tavolo ben 31 miliardi di euro, con riferimento alle risorse europee per il sud; ha fatto affidamento sul 3% delle risorse per le opere infrastrutturali; ha sostenuto che gli incassi dei musei debbano affluire direttamente al ministero e infine, che consistenti risorse private sono pronte ad affluire a prescindere dai margini di profitto. Di conseguenza, secondo Galan, il problema non sono le risorse ma il modo in cui queste vengono gestite''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog