Cerca

Immigrati: sono 125 i tunisini ancora nei centri toscani

Cronaca

Firenze, 20 apr. -?(Adnkronos) - ''Pronto? il viaggio e' andato bene. Ora sono con i parenti. Grazie''. Quando il telefono squilla i volontari di Santa Croce si commuovono. A chiamarli sono i ragazzi tunisini ospiti nei giorni scorsi del centro d'accoglienza notturna gestito dal Comune, una struttura che da' riparo a senza casa e senza fissa dimora. Telefonano i ragazzi partiti per raggiungere amici e familiari che si trovano altrove in Italia: chi a Roma, chi a Milano, chi di nuovo in Sicilia. Molti partono, qualcuno a volte torna. Tutti ringraziano, per l'accoglienza ricevuta. Continuano a spopolarsi i ventidue centri d'accoglienza predisposti dalla Regione, assieme agli enti locali e il mondo del volontariato per ospitare i tunisini sbarcati a Lampedusa e trasferiti in Toscana.

Degli oltre cinquecento tunisini arrivati due settimane fa in Toscana, ad oggi, informa un comunicato della Regione, sono rimasti solo in 125, novanta in meno rispetto a lunedi'. Altri si stanno preparando a partire. Qualcuno e' stato spostato, mentre le stesse strutture si riorganizzano. In provincia di Siena ad esempio i 14 tunisini rimasti sono stati concentrati tutti nel castello di Montarenti, nel comune di Sovicille, mentre e' stato liberata la struttura regionale alla Pineta, nel comune di Monticiano.

Ad Arezzo sono rimasti solo 8 ragazzi, tutti a Stia ospiti della cooperativa Agora'. A Firenze citta' sono in 18: la meta' all'albergo popolare, 3 alla Madonnina del Grappa ed altri 6 a Villa Peragnoli. Altri 12 ragazzi tunisini continuano ad essere ospiti di Casa Emmaus ad Empoli e 4 di Casa Mamma Margherita a Scandicci. A Massa Marittima, in provincia di Grosseto, sono rimasti in 10. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog