Cerca

Austria: Banca Nazionale, la crisi non e' ancora finita

Finanza

Vienna, 20 apr. - (Adnkronos/Xin) - Gli economisti della Banca Nazionale Austriaca (Oesterreichische Nationalbank), la banca centrale austriaca, avvertono che la crisi finanziaria non e' ancora finita per le banche della repubblica, perche' rischi e punti vulnerabili permangono nelle attivita' in Europa Orientale. Sebbene i paesi del Centro Est Europa siano cresciuti piu' dei paesi dell'Eurozona quest'anno, le rettifiche sul valore degli attivi in quei paesi sono state in media del 6,6%, il doppio rispetto all'Austria, ha detto il direttore della banca Andreas Ittner.

Poiche' il 60% dei ricavi delle banche austriache nel 2010 proviene dall'Europa Orientale e Sudorientale, Ittner ritiene che lo sviluppo sbilanciato di questa regione potrebbe portare a un picco di incagli nel 2011. Un altro profilo vulnerabile per le banche austriache viene dai prestiti denominati in valute estere.

Il 50% dei prestiti erogati nell'Europa Orientale sono denominati in valute diverse dalle singole divise nazionali, e di questi il 60% sono in euro. Pertanto, la Banca Nazionale ha raccomandato che le banche in questa regione prestino attenzione a modelli di crescita sostenibile. In Austria ha sede Bank Austria, la banca hub del gruppo italiano Unicredit per l'Europa Orientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog