Cerca

Rifiuti: Pasquino, dobbiamo arrivare al 65% di differenziata

Politica

Napoli, 20 apr. (Adnkronos) - ''Non bisogna fare dei rifiuti una speculazione''. Lo ha affermato il candidato sindaco di Napoli per il Terzo polo, Raimondo Pasquino, incontrando i cittadini nel suo tour elettorale. ''Noi siamo contro l'inceneritore a Napoli Est - ha precisato Pasquino -, la nostra citta' produce ogni giorno 550 tonnellate di spazzatura. Il 9 maggio l'inceneritore di Acerra avra' la terza linea che gli permettera' di smaltire 600 tonnellate di rifiuti al giorno. Non c'e' bisogno di costruire un terzo termovalizzatore. La nostra citta' e' fuori legge perche' facciamo soltanto il 15% della raccolta differenziata. Dobbiamo arrivare in tempi rapidi al 65%''.

Incontrando gli operatori del porto commerciale di Napoli, il candidato del Terzo Polo ha sottolineato la necessita' di provvedere a un ampliamento delle aree con la realizzazione della banchina del Levante e di una 'zona di attivita' logistica' (Distripark), che rappresentano un importante opportunita' di sviluppo economico e occupazionale per il territorio. "In un Distripark, infatti, si svolgono una seria di lavorazioni sulle merci contenute all'interno dei container".

Successivamente, Pasquino ha incontrato i vertici della Polizia Municipale con il loro comandante, Generale Luigi Sementa, e i dirigenti, i tecnici, gli arbitri e gli atleti del Coni di Napoli, con il loro presidente, Amedeo Salerno. ''Sono un uomo che ha fatto il dirigente sportivo e sono sensibile ai problemi di questo mondo'', ha ricordato Pasquino. ''Dopo il '60, cioe' dopo i Giochi del Mediterraneo, non siamo riusciti piu' a fare nessun impianto. Il Comune non puo' ignorare che lo sport e' un fatto sociale. Napoli ha bisogno dello sport anche per prevenire le devianze dei giovani'', ha concluso il candidato sindaco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog