Cerca

Roma: riconosce due bulli che lo avevano derubato e si fa giustizia da solo

Cronaca

Roma, 21 apr. - (Adnkronos) - I carabinieri della Compagnia di Roma Eur hanno bloccato nel pomeriggio di ieri presso la fermata metro 'Porta San Paolo', capolinea della ferrovia Roma-Lido, un ragazzino cileno di 16 anni, sottoposto a fermo d'indiziato di delitto per rapina in concorso, il suo complice, un 19enne romeno denunciato per lo stesso reato e la loro vittima, un 20enne romano, denunciato, a sua volta, per porto abusivo di arma ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

Questa la ricostruzione fatta dai carabinieri: lo scorso 15 aprile, il cileno ed il romeno, insieme ad altri ragazzi, hanno spintonato e minacciato il ragazzo romano mentre viaggiava a bordo di un autobus della Cotral, derubandolo del cellulare, di un bracciale in oro e di un berretto. Nel pomeriggio di ieri, la vittima ha riconosciuto due dei suoi aggressori seduti vicino la fermata metro a piazzale Ostiense e ha deciso di vendicarsi minacciandoli con un taglierino e intimandogli di restituirgli quello che gli avevano rubato.

La scena e' stata notata da un carabiniere di passaggio, in quel momento in abiti civili libero dal servizio, che ha bloccato i ragazzi e ha chiamato il 112, aiutato da una guardia giurata in servizio di vigilanza in stazione. La pattuglia della Compagnia Roma Eur ha preso provvedimenti nei confronti di tutti i protagonisti della vicenda. Il 16enne cileno e' stato condotto nel Centro di Prima Accoglienza di via Virginia Agnelli, dove rimarra' a disposizione dell'Autorita' Giudiziaria; denunciato il complice romeno di 19 anni mentre la vittima e' stata denunciata per porto abusivo di arma ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog