Cerca

Mafia: procuratore Palermo, con Ciancimino mai stato rapporto privilegiato

Cronaca

Palermo, 21 apr. - (Adnkronos) - "Con Massimo Ciancimino non c'e' nessun rapporto privilegiato da mettere in discussione, e' sempre stato il rapporto normale tra un dichiarante e la Procura". Lo ha detto il procuratore capo di Palermo, Francesco Messineo, parlando ancora del provvedimento di fermo di Massimo Ciancimino accusato di calunnia pluriaggravata. "Abbiamo utilizzato un documento nel corso di una indagine -ha detto- ma nel momento in cui cogliamo un atteggiamento del genere, come quello dimostrato da Ciancimino con il documento falsificato, non potevamo non intervenire".

E poi alla domanda se fosse cambiato qualcosa nei rapporti con Ciancimino da tempo, il procuratore capo di Palermo ha replicato: "Era da un po' di tempo che non lo sentivamo, a dire il vero".

E se il fermo puo' influire sulla deposizione di Ciancimino prevista per martedi' prossimo al processo Mori, Messineo allarga le braccia: "Se puo' influire nel processo Mori non lo posso ipotizzare, questo e' demandato ai giudici. Quello che so e' che la scientifica ha segnalato che c'e' una sovrapposizione in un documento. A questo punto aspettiamo la convalida del fermo eseguito oggi". Ciancimino junior e' stato fermato nel territorio di Parma, mentre raggiungeva la famiglia per andare in vacanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog