Cerca

Pirati: D'Amico (Confitarma), situazione gravissima e governo non risponde

Cronaca

Genova, 21 apr. - (Adnkronos) - I pirati attaccano ancora navi italiane ma il governo non risponde. La denuncia e' del presidente di Confitarma, Paolo d'Amico. ''Il sequestro della nave portarinfuse Rosalia D'Amato - afferma d'Amico - e' l'ennesimo attacco dei pirati a una nave italiana che testimonia l'urgenza di misure a difesa della navigazione mercantile da oltre un anno chieste al governo da Confitarma. Ricordo che anche la petroliera Savina Caylyn, sequestrata l'8 febbraio, e' ancora nelle mani dei pirati, e quindi sono 43 i marittimi, di cui 11 italiani, imbarcati su unita' italiane tenuti in ostaggio dai pirati''.

''Nonostante cio', a oggi - prosegue d'Amico - non abbiamo ancora ricevuto alcun riscontro ne' a livello parlamentare, in merito ai cinque disegni di legge parcheggiati da un anno alla Camera e al Senato e concernenti il possibile imbarco di personale armato sulle nostre navi, ne' a livello governativo, in particolare dal Ministro della Difesa, al quale da mesi ho chiesto un incontro urgente per identificare una adeguata strategia di difesa attiva''.

''La situazione - conclude d'Amico - e' molto preoccupante ed e' davvero sorprendente il silenzio delle nostre istituzioni che evidentemente non hanno compreso che il fenomeno della pirateria non e' meno grave della situazione in Libia, e che anzi la combinazione dei due eventi puo' produrre effetti veramente devastanti con danni incalcolabili per il sistema paese''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog