Cerca

Economia: Passera, Italia guardi a Germania, persi 600 mila posti lavoro

Economia

Milano, 21 apr. - (Adnkronos) - "La capacita' tedesca di integrare economicamente, nel giro di un ventennio, l'Ovest con l'Est dovrebbe rappresentare un esempio per chi, in 150 anni, non e' riuscito a superare il dualismo Nord-Sud". Inoltre, "concorrenza, meritocrazia, uguaglianza nei punti di partenza dovrebbero entrare maggiormente nel vocabolario della nostra politica economica". E "su questo fronte la Germania offre spunti utili". Parola del consigliere delegato di Intesa SanPaolo Corrado Passera, che ha scritto un editoriale pubblicato oggi sul quotidiano economico-finanziario tedesco Handelsblatt.

Il modello tedesco, continua Passera, "non e' solo economico ma anche sociale, capace di combinare competitivita' con lotta alle disuguaglianze e promozione della mobilita' sociale. Dal punto di vista del Pil la Germania ha ormai quasi completamente recuperato il terreno perduto con la crisi: la sua e' stata una ripresa a V. L'Italia invece sta uscendo dalla crisi con una dinamica del Pil estremamente fiacca e a questi ritmi dovra' aspettare il 2015 o il 2016 per ritornare ai livelli pre-crisi".

Per il manager "sul fronte della creazione di occupazione, la crisi ha comportato in Italia una perdita secca di oltre 600mila posti di lavoro, cui si aggiungono le centinaia di migliaia di lavoratori che hanno beneficiato di interventi assistenziali o che, scoraggiati, hanno smesso di cercare occupazione. In Germania, invece, l'occupazione ha addirittura superato i livelli del 2007". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog