Cerca

Firenze: due consiglieri, via tomba Giovanni Gentile da Santa Croce

Cronaca

Firenze, 21 apr. -?(Adnkronos) - "Chiedersi se sia accettabile che Giovanni Gentile, uno dei maggiori teorici del fascismo, che ha scritto il manifesto degli intellettuali fascisti - e si potrebbe continuare a lungo -, sia da considerare uno dei 'grandi' della Patria non ci sembra un esercizio astratto". Lo affermano, in una nota, due consiglieri comunali di Firenze, Ornella De Zordo (perUnaltracitta') e Eros Cruccolini (Sel), a seguito dei commenti rilasciati da esponenti del Pd fiorentino che trovano "sbagliato e inopportuno" il dibattito aperto sull'argomento dopo la loro chiesta di rimuovere il sepolcro di Gentile dalla basilica di Santa Croce di Firenze per trasferire la salma in un cimitero comune.

"In discussione non e' se rimuovere fisicamente i "poveri resti" di Gentile dal Pantheon di Santa Croce - aggiungono De Zordo e Cruccolini - ma sottolineare che li' viene sepolto nel 1944 per decreto repubblichino emanato da Mussolini in persona, grazie a una deroga alle leggi vigenti che impedivano ogni sepoltura nella basilica. Il Comune di Firenze nel 1944 ha dovuto recepire un editto e autorizzare la sepoltura in Santa Croce elevando Gentile a "grande della patria''.

''Come e' stata revocata la cittadinanza onoraria a Mussolini, cosi' oggi, in un momento in cui qualcuno chiede di revocare il divieto costituzionale alla ricostituzione del partito fascista, e si cerca di riscrivere la storia per riabilitare l'orrore della dittatura, - concludono i due consiglieri De Zordo e Cruccolini - dovrebbe essere presa sul serio la domanda se la citta' medaglia d'ora della Resistenza non debba prendere le distanze da un'imposizione di Mussolini che cambiando le leggi ha voluto il suo maggior filosofo nel Pantheon dei "grandi'".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog