Cerca

Reggio Emilia: cassintegrato non puo' mantenere figlio a domiciliari, lo fa tornare in cella (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Ieri pomeriggio i carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto si sono dunque recati nell'abitazione del giovane e lo hanno portato in carcere. Il ragazzo era stato arrestato il 29 ottobre 2009 per una rapina compiuta nel tardo pomeriggio del 16 luglio 2009. Ad incastrarlo era stato proprio il giovane aggredito e che lo aveva riconosciuto in alcune foto scelte dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Emilia grazie alla sua minuziosa descrizione.

Il 24enne con un complice, nell'estate del 2009, a bordo di due biciclette, aveva avvicinato un diciottenne che stava passeggiando. Il rapinatore arrestato lo aveva minacciato puntandogli un coltello alla gola, mentre l'altro lo teneva fermo. La vittima, sotto shock, aveva consegnato il portafogli con duecento euro e i due malviventi erano scappati sempre in bicicletta. Dall'immediata denuncia del ragazzo erano partite le ricerche dei carabinieri, che avevano portato all'arresto del 24enne marocchino sorpreso nella sua abitazione a Castelnovo Sotto.

Per quei fatti il giovane riconosciuto colpevole e' stato condannato sino ad ottenere il 2 novembre 2009 gli arresti domiciliari. A lui ha sempre provveduto il padre che ora pero' finito in cassa integrazione: con moglie e 4 figli si e' visto costretto a scrivere al giudice. I carabinieri, ricevuto il provvedimento, l'hanno infatti condotto in carcere dove proseguira' l'espiazione della pena.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog