Cerca

Tragedia familiare nel varesotto, uccide la figlia a coltellate e ferisce il figlio: arrestato

Cronaca

Milano, 25 apr. (Adnkronos) - Per la tragedia familiare di Varese è stato arrestato per omicidio aggravato Mario Camboni, un pensionato 69enne, privo di precedenti penali, che ha ucciso a colpi di arma da taglio la figlia Alessandra, 32enne residente in provincia di Padova, ed ha ferito con la stessa arma il figlio 34enne Federico, residente a Milano.

I fatti si sono svolti all'interno dell'appartamento occupato da qualche mese dall'uomo in un residence di Gavirate, dove viveva solo per un 'periodo di riflessione' lontano dalla moglie. In occasione della Pasqua, ieri sera, lo hanno raggiunto, con tanto di colomba pasquale, i due figli, che probabilmente intendevano trascorrere alcuni momenti di serenità con il proprio genitore.

A quel punto però, è scattata la molla che ha portato alla tragedia: l'uomo ha fulmineamente estratto dalla cassettiera della cucina un grosso coltello, con il quale ha inferto alcuni colpi contro la figlia, che si trovava seduta di fronte a lui.

Immediata è stata la reazione del fratello della vittima, il quale ha subito tentato di fare da scudo, subendo così diverse ferite agli arti ed all'addome prima di riuscire a darsi alla fuga per le vie limitrofe, in cerca di aiuto. Nel frattempo l'uomo, in evidente stato confusionale, ha dapprima lasciato l'edificio, salvo poi farvi immediato ritorno.

L'allarme è stato diramato da alcuni passanti al 112 'Nue' di Varese, il quale ha immediatamente allertato le pattuglie dell'Arma impegnate in servizio che, pochi istanti dopo, sono giunte sul posto, sorprendendo e fermando l'aggressore, ancora nei pressi dell'ingresso dell'appartamento.

Per la donna, colpita al corpo e agli arti da numerose coltellate, si è subito capito che non c'era nulla da fare, mentre il fratello, sottoposto ad intervento chirurgico a causa delle ferite riportate, è stato dichiarato in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita.

Nella notte Mario Camboni, nel frattempo dichiarato in stato di arresto, assistito dal difensore, è stato interrogato presso la Caserma del Comando Provinciale Carabinieri di Varese dal pm Luca Petrucci della Procura della Repubblica di Varese. L'uomo dovrà ora rispondere dell'accusa di omicidio e tentato omicidio aggravato nei confronti di entrambi i figli, mentre la vittima si trova presso l'istituto di medicina legale dell'ospedale 'Circolo' di Varese in attesa degli ulteriori esami di rito.

Nel corso dei rilievi tecnici, effettuati da personale specializzato in forza al Comando Provinciale dei carabinieri, sono stati rinvenuti e sequestrati alcuni reperti, ora al vaglio degli inquirenti, che possono rivestire interesse ai fini della esatta ricostruzione della dinamica dei fatti. Tra questi c'è anche l'arma del delitto, un grosso coltello da cucina con lama di circa 30 cm.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog