Cerca

Beni Culturali: monumenti in briciole, l'angelo di Napoli e' solo l'ultimo caso/scheda

Cultura

Roma, 27 apr. (Adnkronos) - Il patrimonio artistico italiano continua a cedere. E sembra che la Campania sia la regione italiana piu' colpita. E' proprio di questi giorni infatti l'allarme lanciato da Stefano Gizzi, Soprintendente ai Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici e Etnoantropologici di Napoli, secondo il quale almeno cento palazzi del cuore di Napoli presentano il rischio di cedimento di stucchi e rivestimenti.

Cosi', mentre il neo ministro Giancarlo Galan annuncia un piano di recupero dell'area archeologica di Pompei, martoriata da cedimenti e crolli, l'area limitrofa continua a cedere: Proprio ieri nella basilica di San Paolo Maggiore e' crollata la testa di un angelo.

La basilica appartiene ai beni in carico al ministero dell'Interno che li gestisce tramite il Fec, il fondo edifici di culto. Ma il crollo avvenuto in questi giorni non e' l'unico. Sopra l'altare maggiore sono recentemente crollati degli stucchi: il volto di un puttino incorniciato da ornamenti dorati, mostra evidenti fratture. Una parte degli ornamenti e' venuta giu' nei mesi scorsi, le pietre sono piombate davanti all'altare. Poche settimane fa anche nel cimitero delle Fontanelle era piombato all'interno un masso di 1.700 chili. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog