Cerca

Firenze: Pd, per il presidio sanitario Signa non ci sono motivi per chiuderlo

Cronaca

Firenze, 27 apr. - (Adnkronos) - ''Una eventuale chiusura o ridimensionamento del presidio Asl di Signa non puo' che apparire privo di logica, in virtu' del consistente investimento effettuato in tempi recenti nonche' della gamma e dell'importanza dei servizi erogati in favore d'un ampio bacino d'utenza ricadente in un ambito comunale caratterizzato sia da un costante aumento della popolazione, dovuto sia a flussi migratori che al potenziamento dell'edilizia abitativa, sia da carenze infrastrutturali che rendono difficoltosi gli spostamenti verso altri presidi''. Lo affermano, in un'interrogazione urgente alla giunta regionale, i consiglieri regionali del Pd Paolo Bambagioni, Gianluca Parrini e Eugenio Giani.

''Da qualche tempo - spiega Bambagioni - sono circolate notizie su procedure finalizzate alla dismissione o al depotenziamento di importanti presidi socio-sanitari appartenenti all'Asl 10. Il presidio di Signa, la cui sede e' stata recentemente acquistata e ristrutturata per una spesa complessiva di oltre 800.000 euro, e' una struttura che risponde a diverse esigenze, sia dal punto di vista dei servizi erogati che per quanto riguarda i problemi di mobilita' dei cittadini provenienti dalle frazioni di Lecore e San Mauro''.

''Pensare a una chiusura del presidio - continua Bambagioni - appare non solo sbagliato per la sua comprovata utilita' sul territorio, ma anche in contraddizione con gli obiettivi del Piano sanitario regionale e rispetto ai principi di integrazione e coesione socio-sanitaria nell'ambito della Societa' della salute, cioe' di una politica che mette al centro le cosiddette zone-distretto. Per tutti questi motivi - conclude il consigliere - abbiamo chiesto alla giunta regionale di chiarire le sue intenzioni circa il futuro di questo importante presidio sanitario''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog