Cerca

Immigrati: Rita Borsellino, centro Mineo e' terra di nessuno

Cronaca

Palermo, 27 apr. - (Adnkronos) - ''Il centro di Mineo e' una sorta di terra di nessuno. Non c'e' alcuna interlocuzione con il territorio, mancano i progetti per l'integrazione sociale e per la prevenzione sanitaria, le procedure per il riconoscimento dei rifugiati e dei richiedenti asilo sono sostanzialmente al palo. Se non fosse per l'impegno e la competenza della Croce Rossa e delle poche organizzazioni non governative che hanno avuto finora accesso alla struttura, i migranti del centro di Mineo sarebbero totalmente abbandonati a se stessi''. Lo ha detto stamattina l'europarlamentare Rita Borsellino, al termine della visita al Centro d'accoglienza e identificazione di Mineo (Catania).

''Da quando e' stato aperto - continua - il centro e' stato gestito prima dal commissario straordinario, poi dalla Prefettura di Catania. Adesso, tutto e' nelle mani della Croce rossa, ma a breve la gestione passera' alla Protezione civile. E' evidente che manca una progettazione seria rispetto a una situazione estremamente delicata".

"A Mineo ci sono 1800 migranti provenienti da 36 etnie. La maggior parte di loro sono giovani, con un livello di istruzione medio-alto - spiega Borsellino - e, come mi hanno confermato gli amministratori locali, potrebbero trovare lavoro nel territorio. Ma nulla e' stato ancora fatto per riconoscere il loro status giuridico e immetterli all'interno di un circuito virtuoso e di legalita'''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog