Cerca

'Mille Miglia', parata di vip e di vetture per l'edizione 2011

Sport

Roma, 27 apr. (Adnkronos) - Parata di vip in occasione della Mille Miglia, la "corsa piu' bella del mondo", come amava definirla Enzo Ferrari. Dal 12 al 14 maggio, 375 auto d'epoca si sfideranno lungo lo storico percorso Brescia-Roma-Brescia. All'appuntamento mondiale dell'automobilismo d'epoca non mancheranno volti noti: tra i partecipanti piu' attesi, Rowan Atkinson, meglio conosciuto come Mr. Bean, e l'ex pilota di formula 1 Mika Hakkinen. Al percorso prendera' parte anche Juan Manuel Fangio Jr., nipote del celebre pilota argentino. Fangio sfilera' per l'Italia con la stessa vettura con cui il nonno si aggiudico' il secondo posto nell'edizione del 1955. A raccogliere lo scettro di Anna Falchi, lo scorso anno madrina dell'evento, sara' la bellissima Madalina Ghenea, reduce dal successo di 'Ballando con le stelle'.

"Con questa edizione vogliamo superare il successo straordinario di quella dello scorso anno. Perche' la Mille Miglia è una vera e propria leggenda che cresce di anno in anno, affermandosi sempre piu' come simbolo della passione per le auto, per l'avventura, per la sfida. Ma anche come simbolo internazionale del nostro paese e delle sue eccellenze". Con queste parole Alessandro Casali, presidente della Mille Miglia, ha presentato la straordinaria competizione, illustrata ufficialmente questa mattina in Campidoglio alla presenza del vicesindaco Mauro Cutrufo. "La Mille Miglia e' una vicenda storica italiana, ha dato il la al made in Italy. E' un evento importante, che fa parlare dell'Italia e di Roma", ha commentato il vice primo cittadino. A sottolineare l'eccezionalita' della manifestazione, anche la presenza del prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro.

La Freccia Rossa attraverserà di corsa 7 regioni, 177 comuni e uno stato estero (San Marino), toccando alcuni tra i paesaggi piu' suggestivi d'Italia. Anticipata dal celebre momento della punzonatura in Piazza della Loggia, la corsa prendera' il via da Viale Venezia, a Brescia. Le auto in gara attraverseranno i caratteristici centri storici di circa 147 localita', tra cui Modena -dove le vetture sfileranno davanti alla casa natale di Enzo Ferrari, oggi diventata Museo-, poi ci saranno Bologna, Spoleto, Siena, Firenze. Prima del ritorno a Brescia, le auto approderanno a Roma, che attendera' il loro arrivo nella splendida cornice di Castel Sant'Angelo.

"Di nuovo Castel Sant'Angelo fara' da suggestiva scenografia alle auto della Mille Miglia", ha affermato Sandro Binelli, Segretario Generale della Mille Miglia. "Quest'anno i brand rappresentati sono ben 52 e quasi 60 i veicoli iscritti che hanno partecipato alla Freccia Rossa di velocita'. Sono al nostro fianco ben nove case automobilistiche, tutti marchi che hanno contribuito a fare la storia della mitica gara di velocita'". Le 375 vetture in gara, ha ricordato Binelli, sono state selezionate tra oltre 1400 richieste, a testimonianza del prestigio e della risonanza internazionale della manifestazione.

Il percorso delle Mille Miglia ogni anno regala nuove suggestioni, omaggiando le antiche vie degli itinerari storici", ha aggiunto il vicepresidente della Mille Miglia, Paolo Binelli. "Quest'anno torneremo a Cento, ripeteremo il passaggio a San Marino e si tocchera' nuovamente Verona, passando sotto la celebre Arena. Gli equipaggi, infine, si confronteranno con nuove prove cronometrate in Umbria, all'andata, e altre prove speciali in Toscana, al ritorno".

Lo spettacolare appuntamento si inserisce quest'anno nel contesto delle celebrazioni del 150° anniversario dell'unita' d'Italia. Un'occasione in piu' per ricordare le eccellenze dello stivale. "La Mille Miglia rappresenta un itinerario culturale attraverso lo sport", ha commentato Francesco Maria Giro, Sottosegretario ai Beni e alle Attivita' Culturali. Giro ha colto l'occasione per lanciare una proposta rivolta ai sindaci di Roma e Brescia: ''Voglio proporre -ha detto- al Sindaco di Roma Gianni Alemanno e al Sindaco di Brescia Adriano Paroli la candidatura delle 'Mille Miglia' nella Lista Unesco dei Beni del Patrimonio Immateriale, secondo quanto prevede la convenzione del 2003''.

''Le Mille Miglia appartengono a pieno titolo al nostro patrimonio culturale e per questo il loro inserimento fra i beni Unesco e' opportuno. Con il loro tracciato costituiscono un vero e proprio itinerario culturale che attraversa i centri storici di importanti citta' come Modena, Bologna, Spoleto, Siena, Firenze e che trova in Roma e Brescia i suoi due punti fermi. E' una manifestazione che si e' sempre avvalsa di una forte coesione con il territorio, consentendo di promuovere e di valorizzare il nostro immenso patrimonio nel mondo'', ha concluso Giro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog