Cerca

Firenze: l'Archivio di Stato celebra la Notte Bianca del 30 aprile (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Su questi itinerari cio' che si trasporta sono soprattutto merci e i mercanti costituiscono il nucleo piu' cospicuo di passeggeri. Pero' anche i viaggi dei pellegrini e dei crociati hanno contribuito a creare delle rotte tra i porti dell'Europa settentrionale e il Mediterraneo. Ed e' proprio in rapporto ai bisogni pratici della navigazione e del commercio marittimo, nell'eta' delle Crociate e dei Comuni, che, a partire dalla seconda meta' del XIII secolo in Italia e nell'area mediterranea, nasce la produzione della carte nautiche o 'per navigare'.

Sono disegni delle coste e dei mari dell'Europa e della regione mediterranea rilevati con la bussola che stupiscono per la precisione della rappresentazione e l'esattezza dei particolari. Con la loro fitta successione di toponimi lungo la costa, in contrasto con i territori interni del tutto privi di indicazioni, le carte nautiche sono la testimonianza di una navigazione prevalentemente costiera, fatta di rotte di cabotaggio.

Anche nel Quattrocento, quando i perfezionamenti nelle tecniche di costruzione avrebbero permesso di navigare al largo con maggior sicurezza che in passato, erano numerose le navi che preferivano non allontanarsi troppo dalla costa. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog