Cerca

Giocattoli, al via direttiva su sicurezza: le novità e il ruolo di Accredia

Cronaca

Roma, 28 apr. - (Adnkronos) - Il fenomeno della commercializzazione dei giocattoli pericolosi e' in crescita costante in tutta Europa. Soltanto in Italia, nel 2010 la Guardia di Finanza ha sequestrato 8,8 mln di giocattoli pericolosi (+55,8% rispetto al 2009) e 10,3 mln di giocattoli contraffatti (-7,6% in confronto allo scorso anno). I primi due mesi del 2011 non sono molto incoraggianti: sequestrati oltre 2,17 mln di giocattoli pericolosi e 745,6 mil giocattoli contraffatti. Un argine al fenomeno dovrebbe arrivare dal recepimento da parte del nostro paese della direttiva Ue emanata per tutelare maggiormente l'incolumita' dei consumatori e il commercio del settore. Il dlgs che recepisce la direttiva, appena pubblicato in Gu, entra in vigore dal prossimo 12 maggio. Nel decreto non solo viene definito il concetto di giocattoli (prodotti progettati o destinati, in modo esclusivo o meno, a essere utilizzati per fini di gioco da bambini di eta' inferiore a 14 anni), ma vengono indicate esplicitamente alcune tipologie di prodotti che non possono essere considerati giocattoli e che vanno esclusi dalla categoria. Particolare attenzione e' posta sulle sostanze chimiche utilizzate e alla prevenzione del rischio di asfissia. Maggiore responsabilizzazione del produttore, quindi, e maggiori controlli; e' previsto un sistema che coinvolge anche gli operatori economici (rivenditori) che devono contribuire alla creazione e conservazione di un sistema di dati che consentano di identificare il giocattolo in tutti i suoi passaggi. Queste misure servono a contrastare la contraffazione del marchio CE. I prodotti privi del marchio potranno essere presentati solo all'interno di fiere ed esposizioni, a condizione che venga indicato in maniera chiara la mancanza di conformita'.

Una delle principali novita' consiste nel ruolo riconosciuto dalla legge all'Organismo nazionale italiano di accreditamento - Accredia - che viene incaricato dell'attivita' di valutazione degli Organismi per la loro successiva ''notifica'' alla Comunita' Europea da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, passando quindi per la prima volta all'applicazione di quanto previsto dal Regolamento Europeo 765/08. Se, infatti, e' sempre il Ministero dello Sviluppo Economico l'autorita' competente per il sistema delle notifiche alla Comunita' Europea, la valutazione e la vigilanza sugli Organismi di valutazione che operano nell'ambito delle attivita' propedeutiche alla marcatura CE dei giocattoli da parte dei produttori, spetta ad Accredia. Il riconoscimento di questo ruolo, rappresenta un'ulteriore garanzia per le aziende che per marcare alcuni dei propri giocattoli devono e dovranno rivolgersi ad Organismi Notificati di cui potranno verificare - immediatamente e senza possibilita' di errori - l'ambito di applicazione della relativa Notifica direttamente nella Banca dati 'Nando', avendo la certezza di operare in conformita' alle regole europee previste per tale tipologia di prodotti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog