Cerca

Toscana: Terme di Montecatini, verso il rinnovo amministratore unico (3)

Economia

(Adnkronos) - Perplessita' sulle modifiche allo statuto della societa' sono invece state espresse dal vicepresidente della commissione Nicola Nascosti (Pdl), che ha detto di non essere favorevole al raddoppio del tempo di incarico, ''perche' si configura come a una sorta di deroga ai limiti imposti dalla legge sulle nomine'', e che ha valutato criticamente l'idea di procedere alla nomina d'intesa tra Regione e Comune.

''Le nomine sono fatte dagli amministratori eletti e quando si fanno nomine di concerto tra vari enti'', ha spiegato, ''c'e' sempre il problema che una delle amministrazioni puo' cambiare a meta' dell'incarico del nominato o magari subito dopo la sua nomina''.

Per Giuseppe Del Carlo (Udc) ''di fronte alla designazione di una nomina in una societa' in difficolta' sarebbe necessario conoscere i dati di bilancio, della gestione e dell'attuazione del piano industriale''. Per questo Del Carlo ha avanzato la richiesta che si proceda a un'audizione dell'amministratore unico Paola Paganelli. Inoltre, ha sottolineato l'esigenza ''che una volta finita la fase di gestione straordinaria, adottata per superare lo stato di crisi, si dovra' pensare al passaggio a una societa' misto pubblico-privata o totalmente privata''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog