Cerca

Roma: sociologo, psicosi sisma 11 maggio surrogato nostri problemi reali

Cronaca

Roma, 28 apr. - (Adnkronos) - Il terremoto dell'11 maggio che radera' al suolo Roma o il violento tsunami generato da un vulcano sottomarino che travolgera' le coste della Campania, della Calabria e della Sicilia - voci e timori che si rincorrono in questi giorni sul web e non solo - "rappresentano un surrogato delle nostre paure e dei problemi reali di fronte ai quali ci sentiamo impotenti". L'analisi e' di Paolo De Nardis, ordinario di sociologia all'Universita' Sapienza di Roma.

"Psicosi del genere - spiega all'ADNKRONOS - si ripropongono ogni volta che non siamo in grado di risolvere i nostri problemi della vita quotidiana o della societa'. Da qui nascono psicosi collettive che sono nient'altro che la risposta irrazionale a problemi reali: dalla crisi economica, al precariato e la disoccupazione, alla casa, il futuro dei giovani, le guerre, l'integrazione sociale o i problemi dell'immigrazione con i quali gli italiani devono fare i conti. Cosi', davanti alla nostra impotenza - aggiunge - si scatena una sorta di 'benaltrismo autoconsolatorio'", ovvero "si proietta fantasticamente qualcosa di catastrofico cosi' da potersi rassegnare, e consolare, di fronte ai problemi perche' tanto - diremo a noi stessi - 'c'e' ben altro pericolo che incombe sulla nostra vita'".

"Non e' un caso - precisa - che le psicosi di questi giorni non siano legate a una fine del mondo apocalittica, teologicamente rappresentata e lontana, ma alla fine di alcuni mondi, dei nostri mondi, proprio perche' - conclude - rappresentano un surrogato delle nostre vere paure, sulle quali preferiamo non indagare per non dover registrare la nostra impotenza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog