Cerca

Mafia: esperti a confronto a Palermo su aziende confiscate e sequestrate

Cronaca

Palermo, 28 apr. - (Adnkronos) - Fara' tappa domani e sabato a Palermo la campagna della Fillea Cgil contro l'illegalita' nel settore delle costruzioni, tema che gli edili Cgil hanno messo al centro della propria iniziativa per l'anno 2011. Da tempo la Fillea ha lanciato l'allarme sul pericolo che stanno correndo la struttura produttiva e il sistema delle imprese delle costruzioni, ''stretti tra una crisi senza precedenti e l'assenza di interventi sul piano delle regole e degli investimenti, situazione che per gli edili Cgil ha aperto le porte a una presenza ormai strutturata di economie illegali, criminali e mafiose nel settore delle costruzioni''.

Per questo la Fillea con l'Osservatorio ''Edilizia & Legalita''', presieduto da Pier Luigi Vigna, si e' posta l'obiettivo di approfondire il fenomeno, promuovere una strategia di legalita' attraverso il rafforzamento della pratica dei protocolli con le parti sociali e le istituzioni locali ed avanzare proposte concrete sulla gestione delle imprese edili coinvolte nei provvedimenti di sequestro e confisca, che rappresentano il 70% del totale delle imprese sequestrate nella lotta alle mafie. La proposta della Fillea Cgil, che riguarda la gestione delle imprese sequestrate e confiscate e l'utilizzo dei lavoratori, sara' illustrata venerdi' e sabato a Palermo, in una due giorni dal titolo ''Lotta alle mafie. Bonifica e prospettive per le imprese delle costruzioni sequestrate e confiscate''.

Si iniziera' con una giornata di studio domani, a partire dalle 15, presso la Sala delle Capriate di Palazzo Steri, in Piazza della Marina. E si proseguira' con un convegno sabato a Palazzo dei Normanni, con inizio alle 9.30, dopo aver fatto tappa in via Turba, dove il 30 aprile del 1982 furono trucidati dalla mafia Pio La Torre e Rosario Di Salvo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog